Tempo di lettura: 3 Minuti

In Africa si insegna il cinese mandarino nelle scuole. Dal 2020 anche in Kenya

In Africa si insegna il cinese mandarino nelle scuole. Dal 2020 anche in Kenya

Il cinese mandarino diventa sempre più studiato: in Africa si impara il cinese a scuola a partire dai 9 anni di età. Dal 2020 si inizia anche in Kenya

Sapienza: appuntamenti da lunedì 11 a domenica 17 febbraio
Con una manciata di plastica: quando la tecnologia sostiene l’umanità
Il Politecnico di Torino intensifica i rapporti e la cooperazione con l’Africa

Il cinese mandarino diventa sempre più studiato: in Africa si impara il cinese a scuola a partire dai 9 anni di età. Dal 2020 si inizia anche in Kenya.

La Cina diventa sempre più una potenza mondiale, in particolare in Africa dove la sua presenza è sempre più tangibile. Di conseguenza anche la lingua cinese viene sempre più studiata. Già altri paesi africani avevano introdotto l’insegnamento del cinese mandarino nelle scuole dell’obbligo, dal 2020 anche il Kenya.

L’importanza della lingua cinese

Il cinese mandarino negli ultimi anni viene sempre più studiato: si tratta di una diretta conseguenza dell’espansione economica della Cina. I corsi di cinese in Africa, come altrove, sono sempre di più, e le scuole di cinese nel mondo sono numerose. Pensate che la Cina conta 516 istituti nel mondo per l’insegnamento della lingua (secondi solo al francese).

Il Confucius Institute, il più popolare istituto cinese per l’insegnamento della lingua ha aperto una propria sezione presso l’Università di Nairobi. La Cina ha dato la massima disponibilità e supporto ai paesi che vogliono implementare la lingua e la creazioni di nuovi corsi.

Il cinese mandarino insegnato nelle scuole del Kenya

A partire dal 2020 nelle scuole del Kenya sarà possibile imparare il cinese. Il governo ha affermato che non sarà un insegnamento obbligatorio, ma facoltativo e aperto solo a coloro che ne faranno richiesta.

In realtà la pressione con cui il Kenya sta introducendo questi nuovi corsi lascia pensare che l’apprendimento del cinese abbia poco di “facoltativo”.

I giovani kenyoti potranno frequentare i corsi di cinese a partire dalla classe quarta, ovvero a partire dai 9 anni di età.

Niente futuro senza il cinese

Questa decisione che stanno intraprendendo i governi di vari paesi africani è dovuta alla sempre maggiore presenza della Cina nel continente. Si pensa, infatti, che andando avanti con i tempi sarà sempre più difficile poter trovare lavoro in Africa senza conoscere il cinese mandarino.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0