Tempo di lettura: 1 Minuti

Nuovo anno, nuovi problemi nelle scuole!

Nuovo anno, nuovi problemi nelle scuole!

Anche quest’ anno, come da tradizione, l’anno scolastico inizia con qualche problemino… Sembra quasi che le scuole non si potranno mai liberare dei p

Università e esports
Rebibbia 24, dietro le quinte dell’arte in carcere
Ikea pronta ad affittare i mobili agli studenti!

Anche quest’ anno, come da tradizione, l’anno scolastico inizia con qualche problemino…

Sembra quasi che le scuole non si potranno mai liberare dei problemi e delle cose che non funzionano. Quest’ anno uno dei problemi maggiori è quello della mancanza di personale: sia personale docente sia personale Ata.

È la scuola Salvemini di Casalecchi a sollevare una di queste problematiche al punto di farle arrivare alla stampa locale. In questa scuola la mancanza di personale crea non pochi problemi, infatti non sono stati assegnati alla scuola ben 23 docenti di sostegno di cui hanno bisogno.

La mancanza dei docenti di sostegno è un problema a livello nazionale, sono moltissime le scuole che si ritrovano nella stessa situazione.

Questa volta la colpa non è imputabile ad un organo in particolare ma alla vera mancanza di persone qualificate per fare questo mestiere. Se vogliamo parlare di numeri possiamo fare l’esempio della Provincia di Bologna, lì infatti, mancano 230 insegnanti di sostegno.

Come risolvere il problema? Una vera soluzione non è ancora stata trovata da nessuno, ma si sta cercando di “tappare i buchi”. Ci sono professori che si rendono disponibili per lavorare più ore e rimpiazzare quelli che dovrebbero essere degli insegnanti di sostegno, pur non avendo alcuna qualifica per farlo. Certo, si tratta di persone estremamente disponibili e che aiutano ad arginare il problema, ma non a risolverlo.

Altra questione, non meno rilevante, è quella della mancanza di personale Ata. Sempre la scuola Salvemini lamenta di avere la metà del personale che sarebbe necessario per l’ordinario funzionamento dell’istituto. Senza questo personale l’utilizzo di laboratori diventa impossibile, così come tante altre attività.

Rimaniamo domandandoci chi e come risolverà questi problemi, e se il servizio dell’educazione, che dovrebbe essere garantito per tutti sarà mai funzionante come dovrebbe.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0