Tempo di lettura: 2 Minuti

Piano anticorruzione per gli atenei al via

Piano anticorruzione per gli atenei al via

Il progetto verrà presentato "al massimo entro la fine di ottobre”. Staremo a vedere. #FacceCaso. “Stiamo lavorando con il ministro Fedeli a uno spec

Cultura a cielo aperto al Liceo Righi
Fuga di cervelli, da film commedia a drammatica realtà
Fase 2: tutto quello che (non) sappiamo su scuola e università

Il progetto verrà presentato “al massimo entro la fine di ottobre”. Staremo a vedere. #FacceCaso.

“Stiamo lavorando con il ministro Fedeli a uno specifico focus del Piano anticorruzione sull’università che, come sempre, punterà sulla prevenzione”.

Ha fatto sapere il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone. Il piano in questione prevede l’istituzione di “responsabili anticorruzione presenti in ogni ateneo”.

Stando agli ultimi accertamenti, l’inchiesta “mostra un sistema di controllo sui corsi universitari basato su logiche di appartenenza e mai sul merito. A tavolino si decideva chi doveva entrare e chi no” e ovviamente tutto ciò non va bene.

Cantone ha sottolineato inoltre come il piano allo studio con Fedeli ha l’obiettivo di “aiutare l’accademia italiana a tutelare la propria autonomia. Anche le persone con più capacità, a volte, per sopravvivere devono sottoporsi a pratiche umilianti”.

A maggior ragione adesso che i finanziamenti scarseggiano. “Pochi posti disponibili creano una competitività estrema che può spingere alcuni a mettersi in cordata. Fino al dottorato il percorso è naturale, dopo, nella carriera universitaria, si crea un imbuto stretto che genera il fenomeno della fuga dei cervelli e può alimentare corruzione”.

Nel frattempo la Fedeli invita gli atenei a “costituirsi parte civile contro i professori corrotti e individuare dentro ogni ateneo un responsabile della trasparenza e della prevenzione della corruzione”.

In ogni caso il Piano anticorruzione entrerà in vigore a breve. “Al massimo entro la fine di ottobre. Farò un atto di indirizzo, conseguente e coerente con il dossier dell’ Anac, che manderò alle Università, enti vigilati, rispettando la loro autonomia. E chiederò di adottare le misure previste nel Piano”.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0