Tempo di lettura: 3 Minuti

Diritti LGBT: finalmente nei libri di storia

Diritti LGBT: finalmente nei libri di storia

Il Consiglio Scolastico della California ha approvato 10 libri di storia che includono i punti salienti della lotta per i diritti omosessuali nel mond

Le regole per gli universitari americani in Italia
Trump contro il piano Dreamers di Obama: a rischio 800 mila ragazzi
Molestie sessuali, da Hollywood all’Università

Il Consiglio Scolastico della California ha approvato 10 libri di storia che includono i punti salienti della lotta per i diritti omosessuali nel mondo.

Un’educazione ‘fast & fair’ : finalmente, senza troppi -insicuri e confusi- giri di parole, la battaglia per i diritti gay sarà inserita nei libri di storia.
Già, perché l’omosessualità è non solo un’identità ma una realtà’che richiede non solo misure di protezione, ma anche riconoscimento legale dei propri diritti.

Non è la prima volta che in America si insegna, nelle istituzioni scolastiche, la storia delle lotte e delle battaglie che gli omosessuali di tutto il mondo hanno affrontato per affermare i propri diritti: già 2 anni fa sempre la California aveva introdotto questa iniziativa, ma solo per l’ultimo anno di liceo. Ora invece si estende anche agli studenti dai 6 ai 14 anni, i ragazzi delle elementari e medie. Insieme all’età, dunque si abbassa parallelamente anche il livello di ignoranza: l’educazione è da sempre il metodo per trasformare l’inciviltà nel suo contrario, riducendo – o sperando di farlo – in questo caso, un fenomeno gretto come l’omofobia.

Non è mai bello fare la solita polemica moralista sul fatto che molti paesi siano più aperti mentalmente di noi, ma basti pensare che è stata sufficiente una lezione sulla storia dell’omosessualità in un’università di Torino per scatenare un tam-tam mediatico fatto di ignoranza e ottusità.

Ma quali sono quindi i paesi i più ‘gay friendly’ del nostro continente? Secondo il sondaggio “Rainbow Europe” condotto dall’ International Lesbian, Gay, Bisexual, Trans and Intersex Association , i paesi più rispettosi dei diritti LGBT nel 2017 sono stati i seguenti: tra le prime 10 posizioni, si piazzano ben 3 stati baltici come la Danimarca, Finlandia e Norvegia.

Con medaglia di bronzo e d’argento troviamo Regno Unito e Norvegia , mentre Malta conquista l’oro in questa speciale classifica. E l’Italia? Qualche passo avanti, in punta di piedi, si registra anche per il nostro paese, che sale dalla 34esima alla 32esima posizione migliorando del 7% rispetto all’anno scorso.

Tutto questo, insieme all’insegnamento dei diritti LGBT nelle scuole, è davvero un gran passo avanti per un’ educazione reale verso ogni minoranza.

#FacceCaso

Di Emanuele Caviglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0