Tempo di lettura: 1 Minuti

Diritti LGBT: finalmente nei libri di storia

Diritti LGBT: finalmente nei libri di storia

Il Consiglio Scolastico della California ha approvato 10 libri di storia che includono i punti salienti della lotta per i diritti omosessuali nel mond

Anni dimenticabili e batteri mutanti, bombe ne abbiamo al TG USA?
Torna il TG USA, tra sigarette e…cannabis!
Università, in Italia anche il curriculum va di moda “british”

Il Consiglio Scolastico della California ha approvato 10 libri di storia che includono i punti salienti della lotta per i diritti omosessuali nel mondo.

Un’educazione ‘fast & fair’ : finalmente, senza troppi -insicuri e confusi- giri di parole, la battaglia per i diritti gay sarà inserita nei libri di storia.
Già, perché l’omosessualità è non solo un’identità ma una realtà’che richiede non solo misure di protezione, ma anche riconoscimento legale dei propri diritti.

Non è la prima volta che in America si insegna, nelle istituzioni scolastiche, la storia delle lotte e delle battaglie che gli omosessuali di tutto il mondo hanno affrontato per affermare i propri diritti: già 2 anni fa sempre la California aveva introdotto questa iniziativa, ma solo per l’ultimo anno di liceo. Ora invece si estende anche agli studenti dai 6 ai 14 anni, i ragazzi delle elementari e medie. Insieme all’età, dunque si abbassa parallelamente anche il livello di ignoranza: l’educazione è da sempre il metodo per trasformare l’inciviltà nel suo contrario, riducendo – o sperando di farlo – in questo caso, un fenomeno gretto come l’omofobia.

Non è mai bello fare la solita polemica moralista sul fatto che molti paesi siano più aperti mentalmente di noi, ma basti pensare che è stata sufficiente una lezione sulla storia dell’omosessualità in un’università di Torino per scatenare un tam-tam mediatico fatto di ignoranza e ottusità.

Ma quali sono quindi i paesi i più ‘gay friendly’ del nostro continente? Secondo il sondaggio “Rainbow Europe” condotto dall’ International Lesbian, Gay, Bisexual, Trans and Intersex Association , i paesi più rispettosi dei diritti LGBT nel 2017 sono stati i seguenti: tra le prime 10 posizioni, si piazzano ben 3 stati baltici come la Danimarca, Finlandia e Norvegia.

Con medaglia di bronzo e d’argento troviamo Regno Unito e Norvegia , mentre Malta conquista l’oro in questa speciale classifica. E l’Italia? Qualche passo avanti, in punta di piedi, si registra anche per il nostro paese, che sale dalla 34esima alla 32esima posizione migliorando del 7% rispetto all’anno scorso.

Tutto questo, insieme all’insegnamento dei diritti LGBT nelle scuole, è davvero un gran passo avanti per un’ educazione reale verso ogni minoranza.

#FacceCaso

Di Emanuele Caviglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0