Tempo di lettura: 3 Minuti

Al salone del mobile con QUASAR DESIGN UNIVERSITY!

L’accademica romana all’interno del celebre evento di settore ha la possibilità di rac-contare quest’esperienza e presentare i propri progetti. D

WiFi in Italia: al via l’account unico per i luoghi pubblici
Notification History ti fa leggere i messaggi cancellati su WhatsApp
Una banca per chi conta sui social: WakeUp Influencer Bank

L’accademica romana all’interno del celebre evento di settore ha la possibilità di rac-contare quest’esperienza e presentare i propri progetti.

Due realtà che si incontrano. Stiamo parlando della Quasar Design University e il Salone Internazionale del Mobile di Milano, luogo dove la prima è pronta a sbarcare.
In che modo potrà farlo? Gli studenti al terzo anno del corso in Habitat Design, guidati dal Prof. Alessandro Gorla, presenteranno la serie di arredi e complementi d’arredo per spazi e luoghi di lavoro, un progetto pensato totalmente dai ragazzi con un obbiettivo: dare più qualità alle ore dedicate al lavoro, con un’attenzione anche alla pratica sempre più diffusa dell’Home working.

Le Officine Tamborrino sono invece l’azienda partner in tale iniziativa dall’approccio innovativo, un risultato che sarà visibili all’interno del progetto C_Lean Working, che sarà presentato da Officine Tamborrino nella sezione Workplace 3.0 del Salone, in programma dal 4 al 9 aprile alla Fiera di Milano a Rho.

La direttrice del Quasar, Luna Todaro, ha così commentato tale opportunità: “Siamo felicissimi per questo risultato, per noi è un ulteriore conferma che abbiamo intrapreso la strada giusta già da quando nascemmo nel 1987. L’obiettivo era e rimarrà quello di proporre un metodo didattico orientato all’inserimento dello studente nel mondo del lavoro sin da subito. Da qui nascono le nostre partnership, sempre con importanti aziende – come in questo caso Officine Tamborrino – che permettono ai nostri iscritti di conoscere la realtà lavorativa prima ancora di diplomarsi”.
Se volete capirne di più basta guardare il video con cui gli stessi studenti spiegano il progetto!

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0