Tempo di lettura: 3 Minuti

“Posti in piedi in aula studio”, altro che in Paradiso!

“Posti in piedi in aula studio”, altro che in Paradiso!

L'assenza di posti a sedere nelle aule studio dell'Università di Pisa fa discutere. I posti a sedere nelle aule studio dell'Università di Pisa sono d

A Maratea in scena gli Youtubers
Inquinamento: prevenire è meglio che curare!
Problemi con il numero chiuso anche all’Università di Palermo: l’Unu denuncia ma non ricorre al Tar

L’assenza di posti a sedere nelle aule studio dell’Università di Pisa fa discutere.

I posti a sedere nelle aule studio dell’Università di Pisa sono diventati come i posti auto nel parcheggio di un centro commerciale di domenica pomeriggio: introvabili. L’Ateneo pisano, infatti, dispone di ben 5 aule studio, per un totale di 584 posti. Peccato che gli studenti iscritti siano 50.000!

Le conseguenze di una simile disparità si riversano anche su altri settori dell’Ateneo, come ad esempio la biblioteca. Quest’ultima infatti è costantemente piena di gente che non ha trovato posto nelle aule studio e che perciò occupa lo spazio che dovrebbe essere destinato a chi vuole consultare i libri conservati sugli scaffali.

Proprio per questo l’UDU, l’Unione degli Universitari di Pisa, ha deciso di intervenire denunciando la situazione di disagio. “Oggi protestiamo perché crediamo fortemente che l’Università debba garantire il diritto allo studio” ha spiegato l’associazione studentesca pisana.

Il diritto allo studio di cui parla l’UDU è inteso nel senso di possibilità di accedere a luoghi adeguati per lo studio. In altre parole ciò che vorrebbero gli universitari è semplicemente uno spazio che favorisca il confronto tra studenti e con i docenti.

Sicuramente gli sprechi dell’Ateneo hanno avuto un ruolo determinante nel crearsi di questa situazione come sottolineano anche gli studenti: “Da 10 anni a questa parte ci siamo visti aumentare le rette universitarie di 500 euro ma un miglioramento dei servizi non c’è mai stato”.

Anche a Forlì, però, gli studenti sono costretti a studiare in condizioni simili se non addirittura peggiori. Qui, oltre ad aule studio appropriate, l’UDU vorrebbe anche alloggi adeguati e una mensa con costi popolari perché secondo loro “Una mensa vuota è un investimento fallito”.

Noi non possiamo che essere d’accordo, d’altronde se si chiama Università un motivo c’è ed è perché è di tutti, come le aule studio e come il diritto allo studio. Ma già studiare è una faticaccia se poi dobbiamo farlo anche in piedi ciaone proprio.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0