Tempo di lettura: 1 Minuti

Sassari: problema con i fondi per il “Rientro dei cervelli”

Sassari: problema con i fondi per il “Rientro dei cervelli”

Il progetto per far rientrare i cervelli in fuga dell’Università di Sassari non è andato a buon fine. “Piccoli” problemi all’università di Sassari do

Olimpiadi di informatica al via in Giappone
La scuola #Rispettaledifferenze, ecco il piano antiviolenza
Huawei avrà il suo sistema operativo

Il progetto per far rientrare i cervelli in fuga dell’Università di Sassari non è andato a buon fine.

“Piccoli” problemi all’università di Sassari dove la Regione Sardegna ha appena ritirato i fondi che avrebbe dovuto assegnare per il ritorno di sette ricercatori che avevano fatto grandi esperienze all’estero. Dei fondi che avrebbero dovuto compensare i cervelli in fuga dalla Sardegna. In realtà non è stato proprio così, anzi.

Mezzo milione di euro è stato bloccati ed è stato aperto un dossier in procura perché di questi sette solo due erano stati effettivamente a fare ricerca all’estero. I restanti cinque erano semplici studenti o avevano già avuto un assegno di ricerca in Serdegna. #Malemale

L’iniziativa si chiamava “Rientro dei cervelli” ma l’Università di Sassari non l’ha presa troppo sul serio, provando a fregare un po’ il sistema. I fondi già erogati si aggiravano intorno ad un milione di euro ma il resto è stato prontamente bloccato dopo una denuncia e l’apertura dell’istruttoria della regione. Dopo una lunga fase di controllo sono stati richiesti i Curriculum vitae dei partecipanti e si è scoperto che nemmeno la metà erano compatibili con i requisiti richiesti per accedere ai fondi.

Ad esempio, una ricercatrice che aveva dichiarato di aver svolto un periodo negli studi di ricerca per sanità animale di Ciudad Real in Spagna aveva ricevuto i fondi. Peccato che non aveva svolto nessuna attività di ricerca e tantomeno di insegnamento ma era semplicemente una studentessa. Come se stesse partecipando al programma Erasmus. Anche la commissione che doveva giudicare le domande non era in regola, perché non prevedeva un membro esterno e c’era anche un ricercatore, andando contro le regole dell’ateneo.

Un peccato che un progetto importante come questo per compensare un problema grande come la fuga di cervelli sia andato in fumo. Non ci si può lamentare allora se i ragazzi vogliono andare via.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0