Tempo di lettura: 3 Minuti

FacceCaso alla scoperta del Wakeboard

A volte per svagarsi un po’ non serve andare lontano.. oggi parliamo del Lago del Salto e di una disciplina assolutamente DA PROVARE. #FacceCaso. Se

Molti di noi scelgono di lavorare e di non andare in vacanza: ecco perchè
Andiamo a comandare: sì, ma fra i banchi di scuola!
VIAGGIA CON NOI: alla scoperta delle mete dei giovani

A volte per svagarsi un po’ non serve andare lontano.. oggi parliamo del Lago del Salto e di una disciplina assolutamente DA PROVARE. #FacceCaso.

Se siete romani come me, saprete quanto d’estate la città eterna diventi invivibile, soprattutto nelle ore più calde. A mezzogiorno, quando il Sole picchia forte e l’asfalto si va rovente, la Capitale si svuota e tra le strade si aggira solo qualche intrepido turista. I più fortunati se vanno al mare, c’è chi fa avanti e indietro Roma-Ostia, chi predilige l’aperitivo al Singita di Fregene, chi parte per una settimana-dieci giorni e se ne va a Pag, Ibiza, Formentera, Palma, Mykonos.. dopotutto sono queste le mete più ambite dai ragazzi della nostra età.
Ma vi siete mai chiesti se serve davvero andare così lontano per trovare un po’ di svago?

Oggi voglio parlarvi del Lago del Salto, provincia di Rieti, a un centinaio di chilometri da Roma. Qualche giorno fa mi è capitato di imbattermi in questo posto meraviglioso, con acqua cristallina, immerso nel verde e una particolarità: il Wakeboard. Vi starete chiedendo di cosa si tratta.. niente paura, ve lo spiego subito.

Immaginate uno sport che nasce dalla fusione dello sci nautico e dello snowboard, in poche parole, puro divertimento.

Io ci ho provato e dopo qualche difficoltà iniziale (ci tengo a sottolineare normalissima) sono riuscita ad alzarmi in piedi e provare quella straordinaria sensazione di camminare sull’acqua. Verrete trainati da un motoscafo e con l’aiuto delle onde create dall’imbarcazione, potrete compiere salti e acrobazie (magari dopo qualche lezione). Attrezzatura indispensabile per praticare questa disciplina, il bilancino, sul quale vengono poste le mani e una tavola simile a quella usata per lo snowboard, tutto fornito dalla struttura si riferimento. Con 20€ di iscrizione, che comprende l’assicurazione ed è valida per un anno intero e 1,80€ al minuto (come prima volta un quarto d’ora basta e avanza), vivrete un’esperienza nuova, esilarante e assolutamente da provare. Se siete interessati, ecco qui il link della scuola: CNVS #FacceCaso!

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0