Tempo di lettura: 2 Minuti




Alternanza scuola-lavoro e caos burocratico




Alternanza scuola-lavoro e caos burocratico

Prosegue l’iter di approvazione della legge 107: di sicuro solo il numero minimo di ore da svolgere in azienda. #FacceCaso. Via libera dalla Conferen

Con Netflix sta cambiando l’industria cinematografica
House of Cards sta arrivando
Norcia e Roma, web radio unite

Prosegue l’iter di approvazione della legge 107: di sicuro solo il numero minimo di ore da svolgere in azienda. #FacceCaso.

Via libera dalla Conferenza Unificata delle Regioni e poi dall’Associazione nazionale comuni italiani sugli schemi di decreto legislativi della Buona Scuola.

Entro venerdì 17, giorno dello sciopero Anief e della manifestazione nazionale davanti al Miur, è atteso il parere finale anche delle commissioni parlamentari. Nel frattempo l’unica certezza della riforma scuola-lavoro, è il numero minimo di ore da svolgere in azienda e con gli esperti: con il comma 33 della legge n.107/2015 sono diventate 400 negli istituti tecnici e professionali  e 200 nei licei.

L’Alternanza scuola-lavoro diventa inoltre parte fondamentale dei nuovi Esami di Stato della scuola secondaria di secondo grado: grazie al decreto legislativo sulle “norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato” gli argomenti svolti nelle esperienze svolte in azienda, le lezioni d’impresa formativa simulata, quelle tenute da esperti esterni e della sicurezza, diventeranno argomenti da affrontare durante l’esposizione della prova orale e requisito stesso d’ammissione per la prova d’esame. #FacceCaso

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0