Tempo di lettura: 3 Minuti

Problemi con le note audio? Su WhatsApp non serve più il dito

Problemi con le note audio? Su WhatsApp non serve più il dito

Dall'ultimo aggiornamento per iOS (presto anche per Android) non è più necessario tenere premuto il dito sull'icona del microfono per registrare un me

Ai posteri l’ardua sentenza: il master “tarocco” del 5 Stelle
Ma le Università telematiche stanno davvero vincendo?
Ogni anno sono 135mila gli studenti che abbandonano la scuola

Dall’ultimo aggiornamento per iOS (presto anche per Android) non è più necessario tenere premuto il dito sull’icona del microfono per registrare un messaggio vocale. #FacceCaso.

Se anche tu come me hai dei seri problemi con le note audio di WhatsApp, sto per grandi una grande notizia.

Dall’ultimo aggiornamento per iOS (presto anche per Android) non è più necessario tenere premuto il dito sull’icona del microfono per registrare un messaggio vocale.

La furbata rubata a Telegram, consiste nel bloccare la registrazione con un leggero “swipe” verso l’alto, cioè muovendo il pollice verso la parte alta del display dopo un paio di secondi dall’inizio della registrazione.

Sei pronto a cibarti 8 minuti di nota audio della tua migliore amica?

Inutile dirlo, la novità farà lievitare la durata media degli audiomessaggi, già oggi super apprezzati.

Android dovrà attendere. La novità era già stata avvistata in passato, dovrebbe rispuntare presto, in uno dei prossimi aggiornamenti.

Sempre per iOS è stata annunciata un’altra novità. I video di YouTube, potranno essere visualizzati all’interno dell’applicazione grazie alla modalità “picture-in-picture”.

In poche parole, il video dovrebbe proseguire la riproduzione anche mentre l’utente naviga all’interno di altre conversazioni.

Insomma, amanti delle note vocali, scatenatevi!

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0