Tempo di lettura: 3 Minuti

Vancouver e gli spunti per Roma

Vancouver e gli spunti per Roma

Vancouver è la terza metropoli canadese. Trasporti efficienti un esteso utilizzo di bici e altri fattori, si potrebbe rivelare un interessante esempio

#MovingCulture: la partnership tra UNESCO e Flixbus!
È l’ora di una scuola sicura ed ecologica
Giovany con più paranoie e psicosi a causa dell’ inquinamento

Vancouver è la terza metropoli canadese. Trasporti efficienti un esteso utilizzo di bici e altri fattori, si potrebbe rivelare un interessante esempio per la nostra Capitale.

A Vancouver si sono posti da decenni una serie di obiettivi green, smart e innovativi. E, rispetto a molti casi “nostrani”, sono stati talmente bravi da raggiungerli anche prima del tempo.
Pensate un po’: nel 2015 aderirono all’impegno di altre città e nazioni di passare interamente alle energie rinnovabili entro il 2050. Parliamo di energia elettrica, trasporti pubblici e gli impianti di riscaldamento. Addirittura nel 2020 bisognava arrivare al 50% degli spostamenti urbani a piedi, in bici o con i mezzi pubblici, invece che in auto.

Poi si sono accorti di una cosa: avevano già raggiunto questo traguardo. Con 5 anni di anticipo. Giù il sipario. Il tutto perché Vancouver ha intrapreso da 30 anni a questa parte attente politiche volte a incrementare il trasporto pubblico ( nuove linee metropolitane e di traghetti ), ma soprattutto l’uso della bicicletta ( il 10% della popolazione tutti i giorni ).
Si è badato al verde, con parchi nuovi, ma anche alla diminuzione di arterie stradali, a vantaggio di aree pedonali e per soli bus. Così in un saggio processo graduale l’abitante canadese di questa città si è trovato avvantaggiato.
Avvantaggiato di stare in un luogo più vivibile, nonostante sia comunque una metropoli. Potersi muovere liberamente senza costi/pericoli di un auto.

E in più stanno ancora crescendo bike sharing e car sharing, servizi che aumenteranno le opzioni dei residenti disincentivando sempre di più l’inquinamento. Una soluzione green che guarda al futuro delle città.
A Roma viviamo una situazione paradossalmente opposta: bike sharing pubblico abolito, servizi di trasporto a pezzi e latitanti, uso selvaggio dell’auto e degrado ambientale di tutte le aree versi. Una capitale mondiale che guarda indietro, peggiorandosi anzi rispetto agli ultimi 30 anni. Che qualcuno proietti il documentario sulla crescita di Vancouver in Campidoglio.

Forse qualcuno potrà capire quali semplici iniziative si possono attuare.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0