Tempo di lettura: 2 Minuti

Dux mea lux sul banco : l’Università di Firenze sporge denuncia contro ignoti

Dux mea lux sul banco : l’Università di Firenze sporge denuncia contro ignoti

Stando all’Università di Firenze in tempi come questi, scrivere in aula un “Dux mea lux” è addirittura roba da denuncia alla procura della Repubblica.

Boris, lo studente che progetta un’App contro il bullismo e la discute alla Maturità
FacceCaso su RTL102.5 #VIARADIO: puntata del 23/06/2020
5 app per sopravvivere alla maturità

Stando all’Università di Firenze in tempi come questi, scrivere in aula un “Dux mea lux” è addirittura roba da denuncia alla procura della Repubblica.

A quanti di voi è capitato almeno una volta di disegnare sul banco durante le lezioni? Orsetti, caricature del professore, scarabocchi vari.. stavolta però la scritta con Dux mea lux hanno esagerato.

Il banco di un’aula dell’Università di Firenze è stato “graffitato” con un grande ritratto di Benito Mussolini. Questa volta è proprio il caso di dire che le orde nazifasciste abbiano oltrepassato il limite.

Stando all’Università di Firenze in tempi come questi, scrivere in aula un Dux mea lux è addirittura roba da denuncia alla procura della Repubblica.

L’ateneo ha infatti deciso di sporgere denuncia contro ignoti. Non solo: alla luce dell’episodio dei “graffiti nazifascisti rinvenuti in una sala dell’edificio D14 del campus delle Scienze sociali di Novoli”.

E “del clima preoccupante, testimoniato da recenti fatti di cronaca nazionale, il rettore Luigi Dei lunedì proporrà al Senato accademico e al Consiglio di amministrazione, una mozione per ribadire con forza il valore imprescindibile dei principi sanciti dalla Costituzione, nata dalla Resistenza, su cui si incardina la nostra democrazia”.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0