Tempo di lettura: 1 Minuti

Come preparasi al lavoro a New York: stage e tirocini

Come preparasi al lavoro a New York: stage e tirocini

Sempre più ragazzi scelgono di passare parte della loro formazione in paesi stranieri e in altre città per maturare un’esperienza diversa da quella it

Padellaro docet
Aria nuova nelle facoltà
L’Università per Stranieri di Siena fa il botto: +19% di studenti

Sempre più ragazzi scelgono di passare parte della loro formazione in paesi stranieri e in altre città per maturare un’esperienza diversa da quella italiana e per allargare i propri orizzonti. New York è un’ottima scelta per crescere professionalmente.

Erasmus, tirocini o stage. Da questo punto di vista una delle città più importanti e che offre più possibilità è sicuramente New York. La Grande Mela americana permette a migliaia di studenti e ragazzi ogni anno di partecipare a stage, pagati o anche di sola esperienza, tirocini e corsi di formazione professionale.

Per frequentare uno stage a New York si deve per prima cosa cercare le varie offerte disponibili. Un consiglio può essere quello di chiedere aiuto alla propria Università di provenienza. Molti atenei infatti sono legati da scambi interculturali o precedenti esperienze con aziende o campus stranieri. Sennò è possibile rivolgersi ad aziende professionali e specializzate nell’accompagnare giovani italiani ad esperienze lavorative in altri Paesi. In questo caso a New York. Alcune agenzie sono in contatto con più di 3500 aziende americane che possono offrire periodi di stage a ragazzi stranieri. Aziende come la Disney, la CocaCola, la Warner, la Jaguar o Prada.

Le agenzie costano, naturalmente, ma garantiscono il posto di stagista e si occupano interamente dell’aspetto burocratico e di ricerca. l’aiuto più importante e fondamentale è quello con il Visto. Senza il Visto non si può andare in America e ogni Visto è diverso in base a cosa si va a fare negli Stati Uniti. Varia anche a seconda del tipo di lavoro che va a svolgere uno straniero: stage, corso di formazione o lavoro vero e proprio.

Per fare il Visto bisogna recarsi all’ambasciata americana a Roma o al Consolato. I permessi da chiedere sono:

  • B1, B2: sono i Visto che servono a partecipare a corsi o seminari che non rilasciano alcun attestato.
  • F, M: per chi vuole seguire corsi di studio professionali e non.
  • J: necessario per chi vuole svolgere un tirocinio negli Stati uniti.

Infine bisognerà presentare la domanda con il modulo DS- 2019, stipulato dall’organizzazione con cui si va a fare lo stage.

#FacceCaso

Di Alessandro Luna

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0