Tempo di lettura: 2 Minuti

Occhi a mandorla sui tacchi

Occhi a mandorla sui tacchi

In Giappone, le donne potranno imparare ad andare sui tacchi grazie ad appostiti corsi in scuole specializzate. Il Giappone è un Paese con una vastiss

Formazione anche d’estate: ecco come dovrebbero essere le “buone” vacanze
Nasce a Napoli la prima iOS Developer Academy d’Europa
L’Università Lateranense accoglie 20 studenti in fuga da Paesi in guerra

In Giappone, le donne potranno imparare ad andare sui tacchi grazie ad appostiti corsi in scuole specializzate.

Il Giappone è un Paese con una vastissima tradizione a cui tutti, indistintamente da sesso o età, tengono molto. Tra cerimonie, riti e abiti tradizionali, i ruoli di uomo e donna sono da sempre ben separati e il rispetto di tutte queste tacite regole è assicurato da secoli di storia. La condizione della donna in Giappone è decisamente particolare, quasi un miscuglio di venerazione per la semplicità e la timidezza condite da silenzio e pazienza più unici che rari.

In modo particolare, è difficile notare giapponesi con abiti vistosi e scarpe da red carpet; questo perché l’immagine femminile è ancorata al prototipo di signora elegante con kimono e geta, il sandalo di legno indossato con i calzini bianchi. Ma tutto questo è figlio di una storia ormai passata che non rispecchia più la donna del Duemila. Ovviamente le differenze culturali tra Occidente e Oriente sono forti e non esitano dal farsi sentire, ma le giapponesi non vogliono proprio rinunciare all’uso dei tacchi.

Le scarpe alte 12-15 cm sono davvero difficili da portare ai piedi per tanto tempo e in tutte le circostanze. Prova a camminare sui sanpietrini di Roma con 14 cm di tacco a spillo! Le signore e le ragazze dagli occhi a mandorla hanno sentito il desiderio di affermare la propria femminilità anche attraverso le scarpe con il tacco, simbolo da sempre di sensualità e bellezza se indossati con grazia. La difficoltà risiede proprio nel saper passeggiare in modo delicato su quelle che molte donne occidentali oggi definiscono ‘trappole’; ne esistono di tantissime forme e colori e tutti i più grandi stilisti della moda ne hanno fatto un marchio della loro arte. Ma come imparare a camminarci?

A Tokyo sono nate delle scuole in cui le giapponesi potranno prendere delle vere e proprie lezioni di portamento con le scarpe alte. Madame Yumiko, manager della Japan High Heel Association, ha affermato: “Le donne giapponesi camminano come papere. Ma oggi pochi indossano il kimono. Dovremmo imparare dalle Occidentali a camminare con i tacchi“. È per questo che ha istituito dei corsi per apprendere tutti i segreti del saper portare i tacchi alti. L’idea molto particolare è anche parecchio cara: sei mesi di lezioni si pagano circa 3600 euro. Nonostante ciò, sono più di 4mila le ragazze che frequentano la scuola di Madame Yumiko; a queste, bisogna anche aggiungere quelle che hanno optato per altre scuole più economiche.

Non è strano che, mentre in Occidente le donne stanno mettendo al bando le scarpe alte, in Oriente le venerano?

Di Giulia Pezzullo

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0