Tempo di lettura: 3 Minuti

La rivoluzione rosa parte da Bologna

Da domani all'università di Bologna tutti documenti saranno al femminile. All'Università di Bologna, in tutti documenti saranno inseriti nomi di ruoli

Alma Mater di Bologna e il futuro incerto di 200 ricercatori

In attesa del quizzone, come trascorreranno il weekend i maturandi?
No, dai. Questo lo copio

Da domani all’università di Bologna tutti documenti saranno al femminile.

All’Università di Bologna, in tutti documenti saranno inseriti nomi di ruoli e cariche al femminile.

La svolta guidata dalla prorettrice e linguista con delega delle risorse umane Chiara Elefante, arriverà già da domani. Le forme femminili sono “grammaticalmente, e non solo politicamente, corrette” ci tiene a sottolineare nel portale dell’Ateneo.
“Una forbice che più si va verso i vertici più si allarga in modo allarmante”, osservano Chiara Elefante e la protettrice Paola Salomoni con l’aiuto delle delegate Elena Luppi e Tullia Gallina Toschi: “Il maschile singolare per ruoli, cariche di autorità o prestigio non ha fondamento linguistico, ma solo culturale e sociale. Vogliamo contrastare il conservatorismo nella lingua per demolire stereotipi inconsci spesso introiettati Dalle stesse donne”.

E magari un giorno si arriverà alla prima direttrice dell’Alma Mater. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0