Tempo di lettura: 3 Minuti

Canto di Natale di Dickens: 10 versioni

Canto di Natale di Dickens: 10 versioni

Ecco le 10 versioni più importanti del canto di Natale di Charles Dickens, una delle opere più importanti. Al cinema tutto ebbe inizio nel 1901. Prob

Un tasto per andare direttamente da Facebook a Whatsapp
Kevin Spacey escluso anche da “Tutti i soldi del Mondo”
Estate 2018: ecco le canzoni più ascoltate su Spotify

Ecco le 10 versioni più importanti del canto di Natale di Charles Dickens, una delle opere più importanti. Al cinema tutto ebbe inizio nel 1901.

Probabilmente la storia novellistica più adattata al grande schermo, stiamo parlando del Canto di Natale. La sua versabilità ha reso questa storia raccontata dallo scrittore irlandese oltre 100 anni fa, ha avuto tantissime versioni. Anche prima che al cinema arrivasse il sonoro, già c’erano tre versioni.
A un certo punto forse si è esagerato, cominciando a modificarlo e stravolgerlo fino all’inverosimile. L’ultima di queste è Dickens: l’uomo che inventò il Natale, storia di come l’autore scrisse il libro con un amalgama tra finzione della realtà e la novella stessa. Ma oltre a queste abbiamo pensato alle 10 versioni principali raccontate nell’ultimo secolo.

10) Festa in casa Muppet (1992)

Versione natalizia della storia firmata Muppets. In questo caso i personaggi corrispondono ai pupazzi, nella fattispecie: Kermit è il dipendente di Scrooge ( Micheal Caine ), miss Piggy sua moglie e Gonzo fa il narratore, cioè Dickens stesso.

9) Bugs Bunny’s Christmas Carol (1979)
8 minuti di Looney Tunes, con Bugs Bunny quale nipote del povero dipendente e Yosemite Sam è Scrooge. La storia diventa botte, botti e risate nello stile Warner Bros.

8) A Christmas Carol (1999)

Patrick Stewart nei panni di Scrooge per un film serio e austero. Risultato quindi importante ed estremamente autoriale.

7) La più bella storia di Natale (1970)

Albert Finney nella parte di Scrooge e Alec Guinness in quella del fantasma di Marley. Una versione musicale diventata il metro di paragone di tutte le versioni deviate della stessa novella.

6) Blackadder’s Christmas Carol (1988)

The Black Adder, di fatto una serie tv di importanza fondamentale per la televisione britannica. Ideata da Rowan Atkinson e Richard Curtis, coppia di Mr.Bean, aveva una particolarità fondamentale. Ogni stagione era ambientata in un’epoca storica diversa.

5) A Christmas’Carol (2009)

Robert Zemeckis realizza un adattamento dell’ultimo decennio divenuto molto famoso, anche perché a recitare c’è Jim Carrey, attore di ogni ruolo. Azione, idee, recitazione plastica e sperimentazione con nuove tecniche, un mix fenomenale.

4) A Christmas Carol (1971)

Versione animata che è storia di fantasmi, ideata da Richard Williams. Massima serietà e ripresa della storia scritta.

3) Il canto di Natale di Topolino (1983)

Il cartone per antonomasia è ovviamente quello Disney, capace di sdoganare ai più piccoli Dickens. Bello e straziante, sa commuovere e divertire ogni generazione, da 35 anni a questa parte. Evergreen.

2) Lo schiavo dell’oro (1951)

La più famosa tra le versioni storiche, quello che più l’ha fatto conoscere nella realtà dei fatti. Adattamento fedele e impeccabile.

1) Sos Fantasmi (1988)

Ambientazione differente, un network televisivo malvagio, spietato, violento e sessualmente spregiudicato. In un quadro del genere non sorprende la presenza di Bill Murray nei panni di Scrooge.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0