La domanda che non vorresti mai ricevere: “Ma quando ti laurei?”

La domanda che non vorresti mai ricevere: “Ma quando ti laurei?”

“Ma quando ti laurei?” è una di quelle domande che non vorresti mai ricevere, tipo “che fai a Capodanno?” o “la fidanzatina dove sta?” durante la cena

Contamination Lab: a Pisa si impara a fare impresa
Giulia Schiaverano: la ragazza prodigio che sosterrà la maturità con un anno di anticipo
Esperienza Interrail? Provaci partecipando a questo concorso!

“Ma quando ti laurei?” è una di quelle domande che non vorresti mai ricevere, tipo “che fai a Capodanno?” o “la fidanzatina dove sta?” durante la cena di Natale. #FacceCaso.

Quando ho iniziato l’Università avevo dato per scontato che sarei riuscita a laurearmi in tempo. Alla fine è come il liceo, ho pensato. Basta che studi e passi gli esami, ho pensato. Poi ho incontrato Analisi I e al primo appello andato male, mi sono subito ricreduta.

“Ma quando ti laurei?” è una di quelle domande che non vorresti mai ricevere, tipo “Che fai a Capodanno?” o “La fidanzatina dove sta?” durante la cena di Natale.

Nonostante i buoni propositi, la media nazionale ci dice che sono davvero pochi i super eroi che riescono a laurearsi in tempo. Al primo esame toppato (perché fidatevi, in certe facoltà la bocciatura esiste ed è normale amministrazione), tutto il nostro corso di laurea si trasforma, letteralmente, in un vero e proprio incubo.

L’unica gioia (personale) che ho ricevuto incappando nelle statistiche di AlmaLaurea, è che il problema non riguarda solo Ingegneria, ma è comune a tutti gli studenti. 

Sono in tanti i giovani che come me faticano, non poco, a raggiungere il tanto agognato traguardo della laurea.

Girando su internet esce fuori che dal 2002 a oggi, i fuori corso italiani sono passati dal 67% al 36%. Buone notizie, penserai. Non è tutto oro quello che luccica. Questo miglioramento infatti, riguarda solo pochi corsi di laurea.

  • Medicina, con un tasso di ritardatari del 16%
  • Professioni sanitarie, con un tasso del 20% di tempo in più
  • Psicologia ed Educazione Fisica

Quegli sfigati che hanno scelto Giurisprudenza, Architettura, Lettere o ambito scientifico? A quanto pare sono destinati a restare fra i banchi dell’Università ancora per molto.

Il Tapiro d’oro va ai giuristi, che impiegherebbero circa il 52% del tempo in più rispetto alla durata legale del corso, per un totale di circa OTTO ANNI trascorri a sognare il giorno in cui discuteranno la tesi.

Medaglia d’argento agli studenti di Architettura e dell’ambito letterario. Per loro il ritardo è pari al 45%, con circa sette anni per il conseguimento della laurea.

Io mi becco un terzo posto in classifica. Ingegneria e ambito Scientifico ritardano almeno di un paio d’anni rispetto ai tempi previsti.

Mal comune mezzo gaudio. La speranza è l’ultima a morire e in fin dei conti poteva andarmi peggio. Tu come stai messo? Rimbocchiamoci le maniche e sfatiamo il mito dei fuori corso italiani. 

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 2
  • comment-avatar

    “Avrai dei momenti difficili, ma ti faranno apprezzare le cose belle alle quali non prestavi attenzione.” Disse Robin Williams in Will Hunting – Genio ribelle. Questa dovrebbe essere la vera filosofia di uno studente fuoricorso. Chi scrive è un terzo anno FC di una triennale scientifica.

    • comment-avatar

      Ciao Al! Nel caso in cui quest’anno non dovesse finire bene, farò tesoro del tuo consiglio. Con affetto sincero, terzo anno (ancora per poco in corso) di una triennale scientifica.

  • DISQUS: 0