Tempo di lettura: 2 Minuti

La scuola per le pari opportunità

La scuola per le pari opportunità

Sono 3 i milioni di euro disponibili per la formazione dei docenti, almeno un insegnante a scuola per farsi portavoce di questo progetto. #FacceCaso.

Bravo studente? Paghi meno l’università!
L’attesa dell’esito di un esame scritto: una tortura
Addio lezione frontale, da Parma l’idea della classe cooperativa

Sono 3 i milioni di euro disponibili per la formazione dei docenti, almeno un insegnante a scuola per farsi portavoce di questo progetto. #FacceCaso.

Sensibilizzazione per i più giovani contro le discriminazioni di ogni genere: ecco cosa propone il MIUR.

“È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.” 

Questo è il terzo articolo della costituzione italiana a cui fa riferimento il Protocollo d’intesa tra il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca che coinvolge anche il ministero del Lavoro e delle politiche sociali. Insomma una gran cosa per superare gli stereotipi di genere che innegabilmente influiscono sulla formazione per giovani ma anche sulla carriera per gli adulti. 

“L’educazione alla parità tra sessi, la prevenzione della violenza di genere e di altre discriminazioni” ecco i principali obbiettivi che si pone il piano triennale per educare studenti e studentesse. 

Un sito lanciato direttamente dal MIUR www.noisiamopari.it per raccogliere nuove proposte di percorsi formativi per studenti, famiglie e docenti, delle linee guida nazionali che forniscono spunti di riflessione alle scuole che ogni scuola potrà sviluppare a suo piacimento.

Un diritto di cittadinanza digitale, ecco un altro obbiettivo. Formare gli studenti per un giusto utilizzo degli strumenti digitali facendoci riflettere sul tema dell’odio online, dell’istigazione ad esso e delle discriminazioni che ogni giorno fioccano sui social.

Sono 3 i milioni di euro disponibili per la formazione dei docenti, almeno un insegnante a scuola per farsi portavoce di questo progetto.

#FacceCaso 

Di Claudia Biasci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0