Tempo di lettura: 3 Minuti

Sistema scolastico portoghese

Sistema scolastico portoghese

In ogni nazione d’Europa esiste un tipo di scuola: ma com'è il sistema scolastico portoghese? Il sistema scolastico in Portogallo, non è tanto divers

Il Comune di Trucazzano investe nella scuola
La scuola insegna a scrivere? Ecco la nuova prova di italiano per la terza media
Sempre più vicini al sistema scolastico unico europeo!

In ogni nazione d’Europa esiste un tipo di scuola: ma com’è il sistema scolastico portoghese?

Il sistema scolastico in Portogallo, non è tanto diverso dagli altri. Infatti, come in tanti altri Paesi, per tutti i livelli scolastici, si può scegliere tra scuole pubbliche (tendenzialmente gratuite) e private. Inoltre l’istruzione in Portogallo sta principalmente sotto due Ministeri:

    • Pubblica Istruzione e Scienza e Tecnologia
    • Istruzione Superiore.

La scuola portoghese ha i seguenti obiettivi:
1. Creare le condizioni per lo sviluppo armonioso e globale della personalità attraverso la scoperta progressiva di interessi, abitudini e capacità che formino la persona nella sua doppia dimensione individuale e sociale;
2. Diffondere l’acquisizione e la padronanza di saperi, strumenti, capacità e valori indispensabili per continuare negli studi o nella professione successiva;
3. Sviluppare valori, attitudini e pratiche che contribuiscano alla formazione di cittadini coscienti e che partecipino a una società democratica.

L’anno scolastico inizia il 1° settembre e termina la seconda settimana di giugno, includendo diverse tappe d’insegnamento. Questo percorso scolastico prevede una fase prescolastica, un insegnamento scolastico, con un’attività extra-scolare (insegnamento fuori programma) e un’istruzione secondaria.
L’educazione prescolare è opzionale dai 3 ai 6 anni e viene offerta in scuole dell’infanzia pubbliche e private. Però, mentre le prime sono gratuite, le altre richiedono il pagamento delle tasse. Invece, per quanto riguarda l’insegnamento scolastico, esso si divide in 3 cicli:

1° Ciclo: 4 anni (dai 6 ai 10 anni)
2°Ciclo: 2 anni (dai 10 ai 12 anni)
3°Ciclo: 3 anni (dai 12 ai 15 anni)

Le scuole sono aperte 5 giorni a settimana, con 25 ore settimanali nel 1° ciclo e 28 ore nel 2° e nel 3°. Nella prima fase di studi gli alunni vengono istruiti nelle varie materie da un’unica insegnante, mentre nei cicli seguenti i ragazzi hanno insegnanti diversi per ciascuna disciplina/area curricolare.

Inoltre, la valutazione formativa viene condotta dagli insegnanti durante l’anno ed essenzialmente di tipo “qualitativo” e “descrittivo”. La valutazione sommativa, espressa in una scala da 0 a 20 punti, viene effettuata a livello scolastico e nazionale al termine di ciascun anno.

L’esame finale nazionale ha invece luogo al termine del 12° anno dell’istruzione generale e gli studenti che completano con successo questo ciclo di studi, conseguono il “diploma d’istruzione secondaria”, che indica il tipo di corso seguito e il voto finale ottenuto.

Per migliorare il sistema educativo in vigore, per renderlo sempre più rispondente alle esigenze del mercato del lavoro e della comunità, sono state messe in atto alcune riforme tutt’ora in corso:

  • Garantire l’insegnamento di 2 lingue straniere durante la scuola dell’obbligo;
  • Includere l’Educazione alla Cittadinanza in tutte le aree curricolare;
  • Garantire coerenza e continuazione tra i 3 cicli dell’insegnamento di base e il coordinamento di queste con l’istruzione secondaria;
  • Riforma del curriculum nella parte d’istruzione secondaria superiore.

“Investire in formazione significa credere nel futuro dei giovani, ma anche delle aziende, del sistema economico e, in senso più esteso, del Paese nel suo complesso”. Ecco come la pensano nel sistema scolastico portoghese!

#FacceCaso

Di Filippo Esposito

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0