Tempo di lettura: 1 Minuti

Vita privata e lavoro, trovare l’equilibrio è una mission impossible?

Vita privata e lavoro, trovare l’equilibrio è una mission impossible?

Spesso bilanciare vita privata e vita professionale è molto difficile. Ma è davvero impossibile trovare l'equilibrio? Vita privata e professionale, d

A distanza di 16 anni il Gay Village torna a Testaccio
Bufu entra nel vocabolario Treccani
Studenti sempre meno scatenati, in calo gli infortuni

Spesso bilanciare vita privata e vita professionale è molto difficile. Ma è davvero impossibile trovare l’equilibrio?

Vita privata e professionale, due mondi così diversi e distanti ma allo stesso tempo incredibilmente intrecciati. D’altronde quante volte vi è capitato di rendere male sul lavoro perché avevate problemi a casa o di riversare nella sfera privata lo stress dovuto ad un carico di lavoro troppo pesante?

Quante volte avete rischiato di compromettere le vostre relazioni affettive per colpa di un’eccessiva professionalità? Quante volte avete pensato che in fondo vita privata e lavoro non sono coniugabili, che bisogna per forza rinunciare ad una delle due per sentirsi realizzati in qualcosa?

D’altronde il mondo è pieno di persone che ad un tratto decidono di abbandonare la propria professione per passare più tempo con la propria famiglia. Oppure scelgono di compiere il percorso inverso estraniandosi dalla realtà che li circonda e dedicandosi anima e corpo al proprio mestiere.

E in una società così tecnologica in cui ci si può ritrovare a dover lavorare a distanza e magari anche in orari impensabili, il bisogno di staccare la spina è sempre più frequente persino tra i giovani, specialmente fra quelli poco abituati a ritmi di vita frenetici.

Ma la domanda che molti si fanno è: come si possono bilanciare lavoro e vita privata? Si tratta di un interrogativo che esiste da anni e che rispecchia una necessità fondamentale negli uomini: quella di trovare il cosiddetto “work-life balance”, ovvero l’equilibrio tra vita privata e vita professionale.

La risposta alla domanda naturalmente non è universale ma varia di persona in persona e di momento in momento. Perché l’equilibrio non è uno stato costante, bensì un processo fatto di continui aggiustamenti. L’importante, però, è che la ricerca di questo equilibrio non diventi un’ossessione, una fonte di stress come può esserlo il lavoro.

D’altronde l’equilibrio tra vita privata e vita professionale è uno stato che si raggiunge per gradi e che spesso dura brevissimi istanti, non è un dono del cielo che rimane eternamente uguale a se stesso. L’importante è non stancarsi mai di cercarlo, non abbandonarsi mai ad uno dei due poli trascurando l’altro. Il resto vien da sé, basta FacceCaso.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0