Tempo di lettura: 1 Minuti

Il metodo di studio secondo Feynman

Il metodo di studio secondo Feynman

Un conto è imparare le poesie di Natale a memoria senza capire il perché, un altro è fare propri i concetti che si studiano. #FacceCaso Se anche tu,

Sicilia : i presidi si dividono a metà
Viaggi: ecco quelli sognati dagli studenti
Inglese: gli studenti non lo imparano a scuola

Un conto è imparare le poesie di Natale a memoria senza capire il perché, un altro è fare propri i concetti che si studiano. #FacceCaso

Se anche tu, proprio come me, devi costantemente preparare esami per l’Università, devi studiare per la maturità o vuoi imparare una nuova lingua, sarai sicuramente alla costante ricerca di un metodo di studio efficace.

Un conto è imparare le poesie di Natale a memoria senza capire il perché, un altro è fare propri i concetti che si studiano.

Acquisire nuove conoscenze non è affatto semplice. Richard Feynman però, uno dei più grandi fisici teorici della storia, ci offre qualche consiglio su come fare.

Per capire a pieno quello che stai studiando, devi applicare un metodo diviso in tre passi.

  • Pensa si doverlo insegnare ad un bambino
    Quando hai finito di studiare, metti per iscritto tutto quello che hai capito cercando di illustrarlo come se ti trovassi alla lavagna. Immagina di essere un maestro delle elementari e ripeti il concetto usando parole semplici. Ti renderai subito conto delle lacune e ti affretterai a colmarle.
  • Ripeti ciò che non ti è chiaro
    Una volta individuato il tuo punto debole, torna sui concetti che non ti sono chiari, fatti domande e trova spiegazioni. Continua fino a quando non avrai trovato le parole giuste per illustrare con semplicità e chiarezza l’argomento che non avevi capito.
  • Semplicità e organizzazione
    Adesso che hai tutto chiaro, torna a ripetere l’intero discorso dall’inizio. Vedrai che piano piano, a forza di ripetere, anche i passaggi più ostici ti sembreranno facilissimi. Il trucco è rendere la spiegazione comprensibile, interessante e scorrevole.

Secondo Feynman hai finito. Magari bastasse veramente. Quel che è certo è che sicuramente questo metodo aiuta. Un ulteriore consiglio (opzionale) da seguire, è quello di trovare qualcuno che non sa nulla di ciò che hai studiato, disposto ad ascoltarti. Ovviamente meglio se si tratta di un bambino, magari il tuo fratellino, o una cuginetta.

Se ti dice bene, imparare le cose a memoria ti farà passare gli esami, ma alla fine cosa ti rimane?

Come direbbe Feyman: “Non vedevo a cosa servisse un sistema di autoriproduzione nel quale si superano esami per insegnare ad altri a superare esami, senza che nessuno impari mai niente”.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0