Tempo di lettura: 2 Minuti

Tutte le ansie dei giovani scienziati

Tutte le ansie dei giovani scienziati

Nel mondo anglosassone si nota come gli scienziati siano afflitti sempre più da ansie e depressioni. Ma del resto è un fenomeno vecchio come il cucco.

Legge 107: manifestanti in piazza a Palermo
Edward Snowden ha fatto un’app
Alternanza scuola-lavoro: c’è anche chi spala letame

Nel mondo anglosassone si nota come gli scienziati siano afflitti sempre più da ansie e depressioni. Ma del resto è un fenomeno vecchio come il cucco.

Scienziati= connubio tra genio e follia. Questo si dice nel più classico dei termini da associare alle menti più brillanti del mondo e della storia. Il problema sta nell’interpretazione di questo detto. Sempre più vede la follia nell’ottica dell’insanità psicofisica, malesseri mentali che i più giovani scienziati sembrano riproporre in massa come fu per il grande Einstein, ma anche Majorana e i ragazzi di via Panisperna.

Un tema che ritorna sul banco degli imputati nel mondo accademico e scientifico moderno. Natura, la più prestigiosa rivista scientifica del mondo, afferma che il problema dei disordini psichici per i giovani scienziati (vengono presi a modello gli inglesi) è più attuale che mai.
Su Twitter ad esempio è stato promosso un sondaggio dalla stessa Nature, che fa emergere come i giovani ricercatori scientifici avrebbero livelli di ansia e depressione sei volte maggiori di quelli medi.

I problemi ciclici sono molti, come limiti finanziari, un ambiente accademico ostile, il durissimo mercato del lavoro.

 Un mix letale, che fa vivere male la loro professione e passione, e secondo alcuni di questi proprio a causa dello spazio in cui dovrebbero svolgerla. C’è chi si lamenta di un sistema di PHd e dottorati sbagliato. Si dice che andrebbe riformato, e siamo nel caso di quelli che già vivono uno dei migliori spazi e modelli, ossia quello inglese. Immaginatevi allora i nostri colleghi/coetanei italiani, dove l’ostracizzazione nei confronti della ricerca e scienza peggiora continuamente.

In ogni caso cultura e scienza si distaccano, creando un malessere eccessivo e un rapporto negativo con lo spazio accademico.
Ma questo peggioramento di ambiente cosa significa? Innanzitutto il peggiore dei rischi. Un allontanamento deciso e inesorabile da parte delle menti più brillanti allo spazio della ricerca, in primis orientandosi verso lidi diversi, magari imprese private o occupazioni con altre funzioni. Ma il peggiore di tutti è proprio che le prossime menti non emergano, rifiutando in partenza di avvicinarsi al vitale e fondamentale orizzonte della scienza.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0