Tempo di lettura: 1 Minuti

Sapienza: Notte Bianca all’insegna dell’alcol

Sapienza: Notte Bianca all’insegna dell’alcol

La Notte Bianca si organizza da 12 anni, si tratta di una festa autorizzata dal Cda dell'università, a patto che non si venda alcol.  #FacceCaso. Bir

“NOI SIAMO PRONTI. CI RUBANO IL TEMPO: RIPRENDIAMOCELO!”

Assunzioni in arrivo: 52mila entro il 14 agosto
Notte Europea dei Ricercatori, venerdì 28 settembre la scienza fa festa!

La Notte Bianca si organizza da 12 anni, si tratta di una festa autorizzata dal Cda dell’università, a patto che non si venda alcol.  #FacceCaso.

Birra a 3 euro, cocktail a 3,5 euro, shot a 2 e vino a un euro: non è un sogno ma la festa organizzata la scorsa notte alla Sapienza che ha trasformare l’ateneo in una discoteca a cielo aperto, con tanto di ingresso a pagamento. La Notte Bianca si organizza da 12 anni, si tratta di una festa autorizzata dal Cda dell’università, a patto che non si venda alcol.

Come avrai capito gli accordi non sono stati minimamente rispettati. 

Dopo le 3 di notte numerosi ragazzi (non solo universitari) sono andati in coma etilico, il minimo visti i fiumi di alcol. 

L’evento era stato pubblicizzato sui social e nella zona di San Lorenzo, adiacente l’università. Il tema di quest’anno aveva come sottotitolo Smascheriamo l’università di carta. “Perché è la carta l’elemento costitutivo di questo modello di università. Sia essa carta moneta, scartoffie da cercare nei gironi infernali della burocrazia o il pezzo di carta che tutti rincorriamo nel percorso di studio”. Dicono gli organizzatori. 

All’inizio dell’anno era stato firmato un documento tra rettorato d’intesa con i rappresentanti degli studenti volto a stabilire regole da seguire per le feste in ateneo. Ovviamente non è stato rispettato.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0