Maturità 2018, quando gli errori sono imbarazzanti

Maturità 2018, quando gli errori sono imbarazzanti

Tanti errori per i ragazzi della maturità 2018, emersi dopo gli scritti. Alcuni buffi, altri improponibili. E i dati degli Invalsi non sono migliori…

Il curriculum perfetto: gli errori da non fare assolutamente!
Colloquio di Lavoro? Niente paura: l’elenco di tutto ciò che NON devi fare
Sbagliando si impara, ecco la Top 5 degli errori costruttivi

Tanti errori per i ragazzi della maturità 2018, emersi dopo gli scritti. Alcuni buffi, altri improponibili. E i dati degli Invalsi non sono migliori…

Questa maturità 2018 sarà sicuramente ricordata come l’ultima della terza prova, quella della versione di Aristotele e tante altre perle. Ma senza dubbio anche gli erroracci ritrovati soprattutto nelle tracce della prima prova passeranno alla storia.
È stato il sito Skuola.net a riportare alcuni degli strafalcioni più belli e allo stesso tempo assurdi “regalati” dai maturandi.
La letteratura italiana si arricchisce ovviamente dell’ “estetista” Gabriele D’Annunzio, oppure l’essere autore del fanciullino, in realtà appartenente a Giovanni Pascoli.

Ma ancora “Gente di Dublino” ambientato a Londra, Dante nato a Milano, i dubbi amletici su chi abbia scritto il diario di Anna Frank. E già, chi mai potrebbe essere stato?
Storia e geografia sono altri due meravigliosi campi d’azione per gli errori più disparati.
Da “Hitler sterminò gli ariani”, ai partigiani combattenti a fianco di Mussolini, e la seconda guerra mondiale cominciata nel 1945.
Per un altro studente si segnala l’India in Africa e il Giappone confinante con la Polonia (?) e Torino capoluogo toscano. E poi voi lo sapevate che Kim Jong-un è il dittatore giapponese?

Alle prove Invalsi certe situazioni non migliorano di certo. Se per l’inglese è presente ancora un 30% di studenti che non raggiunge nemmeno il livello di A1 (minimo per apprendere qualcosa in lingua straniera), in generale i risultati migliori sono al nord rispetto che al sud. In Calabria ad esempio è emerso come un ragazzo su due di 13 anni abbia problemi evidenti con la lingua italiana.
Insomma, c’è ancora tanto da migliorare nella nostra istruzione, e certi “orrori” lo dimostrano.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0