Tempo di lettura: 3 Minuti

Virgilio occupato: ci risiamo

Virgilio occupato: ci risiamo

Il nuovo preside Giuseppe Baldassarre si era ripromesso a inizio anno di evitare ogni tipo di occupazione proponendo agli studenti dei giorni di didat

Raya, l’app per incontri più esclusiva di sempre
Legge 107: manifestanti in piazza a Palermo
Social Week: il meglio della settimana

Il nuovo preside Giuseppe Baldassarre si era ripromesso a inizio anno di evitare ogni tipo di occupazione proponendo agli studenti dei giorni di didattica alternativa. A quanto pare la proposta non è stata presa in considerazione. #FacceCaso.

Anno nuovo, occupazione nuova. Dopo il liceo Mamiani anche il Virgilio come quasi ogni anno ha deciso di occupare. Gli studenti hanno preso possesso della scuola di via Giulia, in pieno centro di Roma. I ragazzi si sono introdotti nella struttura intorno alle 21 di domenica sera entrando da una finestra per poi prendere l’istituto. 

Del resto si sapeva: nei giorni scorsi i ragazzi del Virgilio hanno preso parte ad un manifesto di lotta studentesca collettiva contro il governo e i mancati investimenti sulla didattica e l’edilizia scolastica. 

Stavolta però, memore del casino successo lo scorso anno, una parte degli studenti si è detta contraria all’occupazione. Riusciranno, ciò nonostante, a gestire i rapporti tra studenti e istituzioni scolastiche?

Il nuovo preside Giuseppe Baldassarre si era ripromesso a inizio anno di evitare ogni tipo di occupazione proponendo agli studenti dei giorni di didattica alternativa.

A quanto pare la proposta non è stata presa in considerazione. L’occupazione è stata portata avanti dagli studenti del Collettivo Autorganizzato del Virgilio. Quest’anno niente festini, niente droghe e niente video hard come l’anno scorso (tutto poi smentito dalla questura). Spazio a tanti corsi sulla politica, sulle condizioni della città con focus sulle emergenze sociali, sulla mancanza di investimenti adeguati nell’ambito scolastico, sul diritto allo studio, sulla sicurezza e sull’edilizia scolastica.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0