Tempo di lettura: 3 Minuti

Entrepreneur camp: Apple apre una scuola di programmazione al femminile

Entrepreneur camp: Apple apre una scuola di programmazione al femminile

Per permettere anche alle giovani imprenditrici di acquisire le capacità e le conoscenze per poter lanciare un’applicazione di successo, disponibile n

Web Marketing Festival, ecco l’offerta per studenti
E se le scuole le ristrutturassimo con le sponsorship?
La roadmap contro gli abusi, l’ultima di Twitter

Per permettere anche alle giovani imprenditrici di acquisire le capacità e le conoscenze per poter lanciare un’applicazione di successo, disponibile nell’app store.  #FacceCaso.

Oggi ti parlo di Entrepreneur camp, un’iniziativa di Apple, interamente dedicata alle donne e all’imprenditoria femminile, nata dall’esigenza di spronarle a cimentarsi nel settore delle applicazioni. 

L’Apple Park di Cupertino si trasforma in una scuola dove sviluppatrici e startupper verranno consigliate e riceveranno il supporto e dei manager e dei dipendenti della Apple, non so se rendo l’idea.

I dipendenti Apple faranno da tutor alle donne che parteciperanno all’iniziativa. In tre mesi, due settimane saranno dedicate a sessioni personalizzate, nel campo della programmazione o del marketing. Perché? Per permettere anche alle donne giovani imprenditrici di acquisire le capacità e le conoscenze per poter lanciare un’applicazione di successo, disponibile nell’app store.

Come si fa ad entrare all’Entrepreneur camp? Le aspiranti sviluppatrici di successo devono aver fondato una compagnia o una start up. Nel loro team ovviamente deve esserci almeno una donna. L’azienda in questione deve aver già realizzato un’app o aver progettato un prototipo all’attivo. In poche parole la vostra idea potrebbe già essere disponibile per Android ma non per iOS, oppure si trova su App Store, e l’imprenditrice il suo tutor potrebbero lavorare per migliorarla. 

“Si tratta davvero di un progetto unico nel suo genere: una scuola di programmazione al femminile, per accelerare lo sviluppo delle app. E’ un dato di fatto che le donne sono sottorappresentate nel settore. C’è una grande disparità, quando si tratta di accedere ai finanziamenti”. Spiega Esther Hare, manager di Apple.

Apple si sta impegnando per aumentare il numero di dipendenti e collaboratrici di sesso femminile. Nel 2017 le donne rappresentavano solo 1/3 dei dipendenti totali, e da quel momento le cose non sono ancora cambiate.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0