Tempo di lettura: 2 Minuti

Religione: sempre più studenti non la seguono

Religione: sempre più studenti non la seguono

Pensa che dal 2006/2007 al 2016/2017, in dieci anni, gli studenti che non frequentano l’unico insegnamento facoltativo previsto dalla scuola italiana,

Imparare le lingue? Ecco le migliori app!
Siempo, un’app per ridurre la dipendenza da smartphone
Alternanza scuola – lavoro: iniziativa sensata ma super criticata

Pensa che dal 2006/2007 al 2016/2017, in dieci anni, gli studenti che non frequentano l’unico insegnamento facoltativo previsto dalla scuola italiana, è salita di quasi 6 punti. #FacceCaso.

Crocifisso nelle classi sì, crocifisso nelle classi no. Mentre i grandi discutono, sempre più ragazzi non frequentano l’ora di religione. Il 21% degli studenti italiani sceglie di non seguire questo insegnamento. 

Quando si avvicina il Natale, escono fuori sempre le stesse problematiche: il presepe a scuola? L’albero? La recita? Il rispetto per le altre culture? La verità è che nel frattempo, soprattutto al Nord, gli studenti delle superiori scappano letteralmente dall’ora di religione. Fino a quando decidere sono i genitori, le adesioni sono abbastanza alte, anche se in calo del 10%. Appena i ragazzi compiono 18 anni, i numeri crollano drasticamente.

Il Miur ha fatto sapere che oltre 560 mila ragazzi (il 21% degli studenti), ogni settimana preferiscono fare altro durante l’ora di religione: entrano un’ora dopo a scuola, escono prima, oppure ne approfittano per studiare altre materie. Non c’entra niente con la presenza in classe di ragazzi che professano altre religioni, visto che alle superiori è solo il 7,1%.

Pensa che dal 2006/2007 al 2016/2017, in dieci anni, gli studenti che non frequentano l’unico insegnamento facoltativo previsto dalla scuola italiana, è salita di quasi 6 punti.

Nello specifico, al Nord diserta la lezione quasi uno studente su tre: il 30,4%. In Valle d’Aosta (41,6%) e la Toscana (37,4%), la fuga decima le classi. Al Sud, abbandonano le classi solo l’8,5% di studenti. Per fortuna al liceo i danni sono limitati: solo uno studente su sei se ne va in giro durante religione. Nei tecnici e nei professionali la percentuale raggiunge rispettivamente il 24,1% e il 26,2% nel secondo caso.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0