Tempo di lettura: 3 Minuti

A scuola con… Dario Argento! [SPECIALE HALLOWEEN]

A scuola con… Dario Argento! [SPECIALE HALLOWEEN]

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuova rubrica. Oggi è la volta del Maestro del Brivido Dario Argento. Vi sie

Le scuole senza supplenti
America, il secondo singolo di Dinosauro è finalmente fuori
In Sicilia la prima scuola italiana “Plastic Free”, un risultato grandioso!

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuova rubrica. Oggi è la volta del Maestro del Brivido Dario Argento.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti personaggi come Salvini, PIF o Salmo? Noi sì. E visto il successo della nostra rubrica sugli sportivi, abbiamo deciso di allargare il campo, includendo nella nostra indagine attori, musicisti, politici e chi più ne ha più ne metta.

Questa sera si festeggerà un Halloween decisamente atipico. A causa del coprifuoco, infatti, molti di noi trascorreranno la Notte delle Streghe sul divano di casa a guardare film horror. E magari tra tutte le pellicole che rispolvererete ce ne sarà anche qualcuna del protagonista di oggi: Dario Argento.

Il buon Dario è infatti considerato uno dei migliori interpreti di questo genere, tanto è vero che gli è stato attribuito il titolo di Maestro del Brivido. Insomma, capolavori come Suspiria, Profondo Rosso e Inferno hanno fatto scuola. Chi invece scuola non l’ha fatta o, meglio, l’ha fatta solamente in parte è proprio il loro autore.

Iscrittosi al Liceo Ginnasio Statale “T. Mamiani” di Roma (Viale delle Milizie 30), Dario Argento le superiori le cominciò ma non le portò mai a termine. Lasciò infatti il liceo al secondo anno e decise di trasferirsi a Parigi, dove per un po’ si guadagnò da vivere facendo il lavapiatti.

Il non aver preso il diploma, però, non impedì a Dario di conseguire una laurea. La ottenne honoris causa proprio per una delle sue opere, che probabilmente è anche la più famosa della filmografia di Argento: Suspiria. Quest’ultima valse al Maestro del Brivido il titolo ad honorem in tecnologia degli spaventi.

Insomma, la storia di Dario ci insegna che non serve un pezzo di carta per sfornare capolavori, ma è sufficiente avere determinazione, spirito artistico e in questo caso, pure un po’ di “senso dell’orrore”. Dario Argento, poi, probabilmente ne aveva anche troppo. Eppure la scuola ha spaventato anche lui.

Buon Halloween Giovany!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0