Tempo di lettura: 2 Minuti

Bullismo: 5 cose che forse non sai su questo fenomeno

Bullismo: 5 cose che forse non sai su questo fenomeno

Gli psicologi studiano questo fenomeno da 45. Il primo ad occuparsene fu Then Olwens, che nel 1973, in Norvegia usò la parola mobbing per descriverlo.

E se le scuole le ristrutturassimo con le sponsorship?
Gli istituti professionali che cambiano
Le nuove sfide della moda tra tecnologia e influencer

Gli psicologi studiano questo fenomeno da 45. Il primo ad occuparsene fu Then Olwens, che nel 1973, in Norvegia usò la parola mobbing per descriverlo. Secondo uno studio condotto in 14 Paesi occidentali, ci sono almeno 67 parole che girano attorno al concetto di bullismo.  #FacceCaso.

Di bullismo ne abbiamo parlato tantissimo. Stando agli ultimi dati Istat, un ragazzino su due ne è vittima, soprattutto se ha fra gli 11 e i 17 anni. Ma cos’è esattamente il bullismo? Ecco qui 5 cose che forse non sai su questo fenomeno che ci riguarda molto da vicino.

  • ETIMOLOGIA. La parola bullo deriva da bully che veniva usato come sinonimo di tesoro e bravo ragazzo. L’attuale accezione del termine è stata assunta verso la fine del 17 ° secolo.
  • E OGGI? Stando a quanto detto da Treccani, la definizione di bullo è la seguente: “atteggiamento di sopraffazione sui più deboli, con riferimento a violenze fisiche e psicologiche attuate specialmente in ambienti scolastici o giovanili”.
  • LE PAROLE PER DIRLO. Gli psicologi studiano questo fenomeno da 45. Il primo ad occuparsene fu Then Olwens, che nel 1973, in Norvegia usò la parola mobbing per descriverlo. Secondo uno studio condotto in 14 Paesi occidentali, ci sono almeno 67 parole che girano attorno a questo concetto. Tutte queste parole possono essere ricondotte a 6 tipi di bullismo: bullismo in generale, verbale e fisico, bullsimo verbale, esclusione sociale, aggressione fisica e aggressione non solo fisica.
  • LA RISPOSTA AI BULLI. Lo sapevi che quando si ha a che fare con bulli e predatori “la risposta non deve essere perfetta o elegante. Deve essere tempestiva”?!
  • BULLI E VITTIME. Come è facile intuire, il bullismo può provocare molti danni psicologici alle vittime, ma sapevi che chi si rende autore di atti di bullismo condivide lo stesso destino? Sia i bulli che le vittime avranno probabilità di soffrire da grandi.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0