Tempo di lettura: 2 Minuti

Nasce l’Università del Maiale

Nasce l’Università del Maiale

Una “Pig Full Immersion” nel comune di Parma per apprendere ogni cosa sul Signore delle Braciole. Del maiale non si butta via niente dicono le nonne.

No tax no food: la presa di posizione del sindaco che ha generato un caso
Le quattro esperienze da fare assolutamente in qualsiasi viaggio!
Vuoi adottare una mucca a distanza? Si-può-fareee! (poi ci spieghi perché…)

Una “Pig Full Immersion” nel comune di Parma per apprendere ogni cosa sul Signore delle Braciole.

Del maiale non si butta via niente dicono le nonne. Salsicce, prosciutti, costine, zampone, pancetta o bacon: sono solo alcune delle prelibatezze che si possono ottenere da questo magnifico animale, allevato ormai da millenni dall’uomo e re indiscusso di tutte le migliori Sagre nostrane.

Pensate che ancora oggi, nonostante millenni di sapiente ricerca culinaria, la sua carne porta ancora sorprese ai più appassionati. Non ultima, la trovata dell’utilizzo del musetto. Pensate, allora, se ci fosse un corso che lo vede protagonista. Magari un corso full immersion. Un corso di sei giorni nel quale poter mangiare, vivere e pensare “maiale”. Impossibile? No. Reale.

“Pig Full Immersion”. Basta dire questo. Un corso di 6 giorni, in scena dal 18 al 23 febbraio 2019, all’Hosteria del Maiale dell’Antica Corte Pallavicina, dove da generazioni viene stagionato il Culatello di Zibello, un’autentica eccellenza italiana riconosciuta e conosciuta in tutto il mondo. L’Università del Maiale di Polesine Parmense è stato definito dai più entusiasti tale corso.

Le Lezioni

E a ben ragione. Le lezioni prevedono infatti una visita completa dell’azienda dell’Antica Corte Pallavicina, la lavorazione delle carni, tra cui vanno necessariamente ricordati “sezionamento e salatura”, la preparazione di salami, cotechini, ciccioli (ma non avete già l’acquolina in bocca?), cicciolata e mariole (tipici insaccati della zona Emiliana e Lombarda n.d.r.). Si terrà poi un corso sulla legatura di culatelli, coppe, preti, spalle, lombi, fiocchetti e pancette, oltre ad un corso di cucina totalmente incentrato sulla cottura di queste squisite carni.

Il Diploma

E non è tutto, perché oltre a ottenere una gran cultura sull’argomento, associata magari a qualche chilo in più, vi sarà anche consegnato un diploma. Il diploma “Masalen dal Po”, un riconoscimento che mostrerà a chiunque la vostra speciale preparazione sull’argomento, del valore di mille lauree in Medicina, Ingegneria o Lettere, che “possono solo accompagnare”.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0