Tempo di lettura: 1 Minuti

Facebook Moments sarà l’ennesima App obbligatoria

Facebook Moments sarà l’ennesima App obbligatoria

La più grande casa digitale ha cominciato in alcuni paesi a cancellare le foto inserite nel corso degli anni nel proprio profilo. Come evitare che vad

Services4Migrants: gli studenti aiutano i migranti
Rapporto 2020 AlmaLaurea: che succede ai giovany laureati?
Sigarette: giovani spaventati dalle immagini

La più grande casa digitale ha cominciato in alcuni paesi a cancellare le foto inserite nel corso degli anni nel proprio profilo. Come evitare che vadano perse? Toccherà installare Facebook moments e sincronizzare.

Facebook Moments nasce come estensione alla piattaforma, creata appositamente per condividere le proprie foto e incanalarle in questa sorta di spazio Cloud. In Italia non lo usa ancora nessuno, perché neanche c’abbiamo fatto caso. Neanche io so benissimo come funzioni (mea culpa), però esiste nell’App store.
Forse non è decollata come si aspettavano nella società, forse troppi pochi downloads e guadagni limitati: un mezzo fiasco.

E qui sta il colpo di genio di Menlo park:

obblighiamo gli utenti a installarla e usarla, come è stato fatto con le chat tramite Messenger (se non ce l’hai non scrivi ai tuoi amici).

Ma come poter convincere qualcuno ad aggiungerla sul proprio smartphone? Il ricattino, perché di questo si tratta, è logico da morire! Un utente medio ha inserito centinaia di foto nel proprio profilo, tra i propri album, ne ha salvate anche per trovarsele sempre, magari non intasando la memoria di computer e cellulari. L’idea è che li si ritrovassero sempre.

E se qualcuno le facesse sparire? Tragedia, i nostri ricordi persi. Allora evitiamo tutto ciò, creando uno spazio unico, apposito per le foto, dove ritrovarsele sempre, insieme a quelle dei nostri amici. Appunto, Facebook moments. Se entro il 7 Luglio gli utenti di determinati paesi (per adesso alcuni, poi si vedrà) non avranno trasferito le loro foto lì, non potranno più averle nel proprio account.
Cosa può fare quindi l’utente medio? Aprire l’App store, scaricare l’applicazione e procedere il passaggio. Semplice e non costoso, ma di fatto, rendetevene conto, è un ricatto tecnologico.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0