Tempo di lettura: 2 Minuti

E-commerce: occhio che può essere un’arma a doppio taglio

E-commerce: occhio che può essere un’arma a doppio taglio

Prima del Covid era semplicemente l’evoluzione del mercato; oggi effettivamente l'e-commerce è l’arma che potrebbe affossare la nostra economia. Chiu

Banbua, il progetto internazionale ecosostenibile a cui abbiamo Fatto Caso!
E-commerce, con Instagram guardi, segui e…acquisti
Trendhim: concorso per l’e-commerce

Prima del Covid era semplicemente l’evoluzione del mercato; oggi effettivamente l’e-commerce è l’arma che potrebbe affossare la nostra economia.

Chiunque abbia un’attività o conosca un imprenditore può capire bene le normali difficoltà di mettersi in proprio o aprire la propria azienda, il proprio negozio o il proprio locale. Adempimenti, tasse e spese fisse sono sempre una seccatura e un gravoso impegno. La concorrenza interna è sempre stata uno strumento di misura per attenzionare la qualità di un prodotto o un servizio ed innovarsi. Per questo oggi vi parlo dell’e-commerce.

Da qualche anno, tuttavia, è l’intero settore commerciale ad essersi rinnovato, diventando digitale. Nonostante un iniziale timore, appunto, nei confronti dell’e-commerce dovuto alla novità e alla mancata possibilità di vedere e controllare il prodotto prima dell’acquisto, questa pratica è diventata di uso comune. Chi è abituato ad acquistare online sa cosa comprare e dove, dove sta il reale vantaggio e dove no. La comodità è senza eguali: lo stesso prodotto che devi andare a cercare in negozio ti arriva a casa in poco tempo, pagandolo allo stesso prezzo se non di meno.

La tendenza verso il mercato digitale, sostenuta in particolare dai grandi colossi che su di questa hanno costruito il proprio modello di business, ha creato una netta divisione tra chi può permettersi di vendere online e chi no.
Mentre grandi catene e aziende sono riuscite ad adattarsi al nuovo mercato e per le piccole attività non è stato possibile, per motivi logistici o tecnici, il limite a ciò che si poteva acquistare su internet è stato annullato.

Prima del Covid, questa era semplicemente l’evoluzione del mercato. Oggi è l’arma che potrebbe affossare la nostra economia. Se per paura del contagio ci convertiamo completamente al digitale, dimenticandoci del negozio sotto casa o di quello di fiducia oltre a far fallire migliaia di imprenditori e di famiglie, perdiamo il controllo della nostra economia.

Alcune attività non possono permettersi di rimanere chiuse, il blocco di un mese compromette il lavoro di un anno per ripartire. Figurarsi, quasi un anno di lockdown.
Supportiamo le nostre attività, acquistiamo da loro.

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0