Tempo di lettura: 3 Minuti

#3annisenzaGiulio. I Social, le piazze e l’appello di Fico per Giulio Regeni

#3annisenzaGiulio. I Social, le piazze e l’appello di Fico per Giulio Regeni

Terzo anniversario della morte di Giulio Regeni. Hashtag e iniziative per ricordarlo e chiedere verità. Appello del presidente Fico ai suoi omologhi d

300mila giovani lavorano la domenica. Vogliamo davvero lasciarli a casa?
Da scuola a ” knowledge school “: cosa sono e qual è la differenza
Il Ministro Fedeli non ha neanche la maturità?

Terzo anniversario della morte di Giulio Regeni. Hashtag e iniziative per ricordarlo e chiedere verità. Appello del presidente Fico ai suoi omologhi dei parlamenti europei: “Aiutateci!”.

La vicenda che ha visto tragicamente protagonista Giulio Regeni è ben nota.

Dottorando in Scienze sociali presso l’Università di Cambridge, gli viene proposta una tesi sperimentale sul ruolo dei sindacati in Egitto.

Così da Cambridge lo affidano ad un professore dell’Università americana del Cairo. Una volta lì, entra in contatto con un sindacalista locale. Voleva svolgere attività di ricerca sui sindacati indipendenti e raccontare com’era cambiata la situazione dopo la rivoluzione. Forse per questo ha dato fastidio a qualcuno. O forse ha solo dato fiducia alla persona sbagliata. La verità, dopo tre anni, è ancora lontana.

Il grido #VeritàperGiulioRegeni rimbalza su internet sotto forma di hastag. Per ricordare il terzo anniversario della scomparsa, oggi si aggiunge anche #3annisenzaGiulio. E sono davvero tanti i messaggi, tweet e post che già da qualche giorno invadono i social network. Tutti chiedono la stessa cosa: verità. La voglia di giustizia sarà ribadita anche nelle tante manifestazioni ed eventi previsti in sua memoria. In più di 100 piazze di tutta Italia Amnesty International ha promosso iniziative per rilanciare l’appello a far luce sull’assassinio del giovane ricercatore italiano.

Noi proseguiamo a coltivare una speranza –Dichiara Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia  che l’insistere giorno dopo giorno a chiedere la verità, le iniziative che quotidianamente si svolgono in Italia e non solo producano il risultato che attendiamo: l’accertamento delle responsabilità per la sparizione, la tortura e l’uccisione di Giulio. Quella verità la deve fornire il governo egiziano e deve chiederla con forza quello italiano”.

Nel comune di Fiumicello in provincia di Udine, paese natale di Giulio Regeni, si terrà l’evento principale della giornata. Una fiaccolata in sua memoria alla quale parteciperanno i familiari e gli esponenti del mondo della letteratura e dello spettacolo (Erri de Luca, Pif, il regista Marco Bechis fra i tanti). E non mancheranno anche le personalità politiche. Con un video su Facebook, infatti, il presidente della Camera Roberto Fico ha annunciato la sua presenza.

Già a novembre scorso, per sua iniziativa, la Camera dei Deputati aveva sospeso qualunque rapporto diplomatico con il Parlamento egiziano. Ieri, dando seguito a ciò, l’esponente dei 5 stelle ha invitato alla partecipazione in memoria di Regeni tutti i suoi omologhi dell’Unione europea. In una lettera ha chiesto loro aiuto in maniera esplicita, per trovare la verità.

È di fondamentale importanza – ha scritto Ficopoter contare su concreti gesti di solidarietà da parte dei rappresentanti dei Parlamenti degli altri Paesi membri dell’Ue. Quello che è accaduto a Giulio poteva accadere a qualunque ricercatore di un Paese europeo. Non possiamo voltarci dall’altra parete, dobbiamo agire a livello europeo e nazionale in coerenza con i valori Unione”.

Parole condivisibili che si spera trovino un seguito. Di sicuro, come hanno più volte rimarcato i legali e la famiglia Regeni stessa, la lotta non si fermerà finché la verità non verrà fuori e giustizia sarà fatta.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0