Bremerstraße 23, cronache di un Erasmus a Kiel – La Burocrazia tedesca

Bremerstraße 23, cronache di un Erasmus a Kiel – La Burocrazia tedesca

Essere in Erasmus non vuol dire solo studiare, vuol dire soprattutto fare i conti con la burocrazia tedesca. E non è così semplice. Ho ancora una lis

Gli studenti del Collettivo universitario di Napoli come La casa di carta
Che succede ai giovani d’oggi? Sono un po’ più bamboccioni
L’attesa dell’esito di un esame scritto: una tortura

Essere in Erasmus non vuol dire solo studiare, vuol dire soprattutto fare i conti con la burocrazia tedesca. E non è così semplice.

Ho ancora una lista di cose da fare attaccata al muro della stanza del mio dormitorio in Bremerstraße 23 (per i primi due capitoli, guarda qui). Una lista di sfide contro la lunga, seppur precisa burocrazia tedesca.

La prima cosa che devi sapere è che devi registrarti come “cittadino temporaneo” del Land di cui fai parte. La cosa bella è che se stai per sei mesi lo stato ti darà qualche soldo per vivere. A me hanno dato 100€. In Germania con quei soldi ci paghi a malapena la tassa di inizio semestre, ma va bene così.

Per farlo devi registrarti al Rathaus, per gli amici “Municipio” che di solito apre verso le 7.00 del mattino e se non sei lì per quell’ora stai sicuro che il primo appuntamento disponibile sarà a novembre. Ma tu sei arrivato a settembre e devi farlo entro le prime sei settimane. #Ah

Poi devi preparare il contratto d’affitto e il learning agreement. Il primo non dovrebbe essere difficile da ottenere, soprattutto se come me vi è stata assegnata una stanza. Il secondo, beh, il secondo è un’avventura.

Le Università tedesche sono di solito giganti e gli uffici non si parlano tra di loro. Quindi non c’è modo che un ufficio riesca a dirti esattamente quello che devi fare, perché sarà sicuramente compito dei colleghi, che guarda caso hanno la sede dall’altra parte della città e il loro orario sarà dalle 9.00 alle 11.00 di mattina proprio quando hai lezione.

Ed è esattamente quello che è successo a me con il Learning Agreement, il documento in cui ci sono scritti gli esami che farai all’estero e quelli da convalidare in Italia. La mia università lo aspettava entro il 15 novembre, non è ancora arrivato.

La burocrazia non è mai cosa facile ma dopo essere abituata a quella italiana non vedevo l’ora di venire in un paese più veloce e preciso. E invece.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0