Tempo di lettura: 1 Minuti

Bremerstraße 23, cronache di un Erasmus a Kiel – La partenza

Bremerstraße 23, cronache di un Erasmus a Kiel – La partenza

Continua il mio racconto sull'Erasmus a Kiel, piccola città tedesca e della mia partenza. Sicuramente una delle cose più complicate da affrontare, qu

Ammissione: news su Medicina e Professioni Sanitarie!
Amazon copia Youtube?
Arezzo: l’Università parla di rapporto tra generi

Continua il mio racconto sull’Erasmus a Kiel, piccola città tedesca e della mia partenza.

Sicuramente una delle cose più complicate da affrontare, quando vai in Erasmus è la partenza. Anzi, mettiamola così, la partenza e l’arrivo. Io a Bremerstraße 23 (se hai letto il primo capitolo sai cos’è, altrimenti guarda qui) ci sono arrivata il tre settembre, dopo un aereo per Berlino, due treni e un taxi.

Avevo visto questo palazzone alto su Google Maps, non era bellissimo. Ma va bene, ormai mi ero quasi abituata alle cose non belle. Quando vai in Erasmus non sai mai che tipo di casa ti capita. Una mia amica a Berlino ne ha dovute cambiare cinque, un’altra era in Finlandia e divideva una casa con due persone. Io no, io ho il mio monolocale, con la cucina e il bagno privati. Una botta di fortuna, dirai tu.

Prima di partire l’ansia della valigia e di cosa portare mi assaliva. Ed era ragionevole, non sapevo come infilare mille maglioni in una valigia che all’improvviso mi sembrava troppo piccola. Alla fine con il magico potere del sottovuoto li ho messi, grazie al cielo, perchè ci sono -9 gradi fuori.

La partenza può farti paura. Può bloccarti il cibo nello stomaco. D’altronde sai cosa lasci a casa e non sai chi e cosa troverai lì. L’arrivo in una città nuova continua ad alimentare questo blocco (anche se io mi sono fiondata al Mc Donald’s il primo giorno) ma il trucco è trovare qualcuno che lo sblocchi.

Il trucco è quello di cercare di partecipare a tutte le attività che ti propongono, anche se vuol dire giocare a Taboo in tedesco. Perché sarà difficile ma non ti farà sentire mai solo. Il trucco è quello di sapersi buttare nella mischia e se proprio vedi che qualcuno vicino a te non ci riesce devi trascinare dentro anche lui.

La partenza è forse la parte più brutta, ma allo stesso tempo è quella che ti da una scarica di adrenalina che non immagini. Ed è l’inizio di tutto. #StayTuned

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0