Tempo di lettura: 2 Minuti

Problemi con gli invalsi: non convincono le domande

Problemi con gli invalsi: non convincono le domande

Problemi con le domande delle prove Invalsi, soprattutto quella sul "buon lavoro". "Troverai un buon lavoro?" questa è stata una delle domande alle p

Mare, già mi manchi
Siamo noi, la Generazione Erasmus
Maestra licenziata perchè ha sposato una donna

Problemi con le domande delle prove Invalsi, soprattutto quella sul “buon lavoro”.

“Troverai un buon lavoro?” questa è stata una delle domande alle prove Invalsi 2018. Una domanda che non andrà a definire la valutazione dei ragazzi, anzi, serve a comprendere il campione dei ragazzi che hanno risposto a queste prove.

Tutte le domande di quella sezione non convincono molto, vanno dal “titolo di studio” al “buon lavoro” e soprattutto sono rivolte a bambini (o ragazzini) di dieci anni. Il problema è rispondere ad una domanda del genere, ma anche di creare nei bambini delle aspettative esagerate, che potrebbero escludere delle opzioni importanti.

Cosa succederebbe se non si prende una laurea? Cosa succede se invece di fare il medico si va a fare l’insegnante? La risposta è una sola, assolutamente nulla. I bambini, in quinta elementare, devono essere liberi di sognare qualsiasi cosa. Dove sono finiti gli astronauti, le principesse o anche solo le parrucchiere? Mestiere prediletto dalle ragazzine che sfogavano il proprio estro creativo sulle Barbie. Forse sono troppo vecchia, ma questo è quello su cui un bambino deve concentrarsi.

“Queste non sono domande, sono solo suggestioni” questo il commento della UIL (che trovi sull’articolo del Corriere della Sera della Redazione scuola del 12/05/2018), che critica in tutto le prove Invalsi, dato che le prove standardizzate non riescono a dare un prospetto completo della scuola italiana. Anche negli Stati Uniti si sta cercando di toglierle perché il dislivello tra le scuole di periferia e di centro, o di nord e sud sono completamente diverse.

Intanto gli Invalsi mettono domande del genere, troppo pretenziose per dei bambini di quinta elementari ma anche un po’ preoccupanti, quale lavoro è un “buon lavoro” e quale no? Mah.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0