Tempo di lettura: 2 Minuti

Sardegna: arriva Jump@School, il progetto europeo contro la dispersione scolastica

Sardegna: arriva Jump@School, il progetto europeo contro la dispersione scolastica

Asse Iglesias-Valencia-Mardin per evitare che i ragazzi abbandonino prima il percorso di studi. Jump@School: ed è rivoluzione! Anche perchè in Sardeg

In Austria una diciottenne denuncia i genitori per delle foto su Facebook!
Quanto costa studiare…?
Servizio militare? A noi sembra assurdo ma esiste ancora in 15 Paesi europei. Ecco quali

Asse Iglesias-Valencia-Mardin per evitare che i ragazzi abbandonino prima il percorso di studi.

Jump@School: ed è rivoluzione! Anche perchè in Sardegna si sta presentando un problema non indifferente: ad Iglesias la maggior parte degli studenti non è portata a finire gli studi, abbandonando la scuola prima del tempo. Si è rilevato come il pessimismo nei confronti del futuro e dell’alto tasso di disoccupazione porti i ragazzi a lasciare la scuola e cercare un lavoro.

Per questo nasce il progetto Jump@School, promosso dalla regione e dal Programma Europeo “Lifelong Learning” che coinvolge circa sei paesi:

  • Italia,
  • Austria,
  • Germania,
  • Polonia,
  • Spagna
  • Turchia

L’obiettivo principale è quello di prevenire e contrastare la dispersione scolastica.

Partecipano sei scuole e circa 660 studenti tra Italia, Spagna e Turchia e, purtroppo per mancanza di fondi, i servizi non potranno essere erogati tra tutti i ragazzi ma verranno selezionati casualmente e le attività del progetto saranno diverse tra tutti i partecipanti.

Il tutto consiste in laboratori e lavori di gruppo su varie materie che possano riaccendere nel ragazzo l’interesse nel finire gli studi, ma allo stesso tempo legarlo alla realtà che lo aspetta fuori, rendendo tutto più concreto.

I ragazzi potranno lavorare con i volontari di varie associazioni ed organizzazioni partecipando anche a laboratori creativi che vanno dalla cucina alla musica, dalla fotografia alla regia.

Le attività di gruppo comprendono visite guidate e giornate all’insegna del divertimento, anche per curare lo stare insieme e il “gruppo-classe”.

Mi sembra un’ottima iniziativa, peccato che i fondi siano un po’ pochi per portarlo veramente a termine, spero che la prima edizione possa aprire la strada alle altre!

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0