Tempo di lettura: 3 Minuti

Montale e la svista del Miur alla Maturità

Montale e la svista del Miur alla Maturità

Un piccolo errore del Miur nella poesia di Montale durante la simulazione della prima prova per la maturità 2019. Durante le simulazioni della prima

Esami universitari: le App per superarli
Parliamo di Safer Internet Day
ADHD, l’argento vivo di Silvestri e Rancore per gli studenti

Un piccolo errore del Miur nella poesia di Montale durante la simulazione della prima prova per la maturità 2019.

Durante le simulazioni della prima prova per la maturità 2019, avvenute ieri, Martedì 26 Marzo, il Miur ha commesso un piccolo errore nella traccia sulla poesia di Montale. L’analisi del testo, una delle tipologie di esame della prima prova, ha visto protagonista la sua poesia L’agave sullo scoglio, tratta dalla raccolta Ossi di Seppia. Il primo verso della poesia recita:

“O rabido ventare di scirocco che l’arsiccio terreno gialloverde bruci”.

Naturalmente il Miur non ha commesso errori nella scrittura, bensì nel significato della parola rabido. Il primo ad accorgersene e riportare il fatto a Il Tirreno sembra sia stato il Prof. Carlo Paolini ritenendo il fatto “fuorviante” . Nella nota a piè di pagina appare come significato della parola l’aggettivo rapido, ma la radice della parola si trova nel sostantivo, rabbia, dal latino rabĭdus, der. di rabĭes ‘rabbia’.

Montale e L’agave sullo scoglio

Il testo preso in esame, ovvero L’agave sullo scoglio di Eugenio Montale, è una poesia parte della raccolta Ossi di Seppia. Pubblicata la prima volta nel 1925 per le edizioni gobettiane di Rivoluzione liberale, la sua edizione definitiva  vede luce nel 1942 dopo una severa selezione dei lavori del poeta nel suo periodo di attività più maturo. Ossi di seppia è una delle otto sezioni della raccolta di poesie ovvero: In limine, MovimentiPoesie per Camillo SbarbaroSarcofaghiAltri versiOssi di seppiaMediterraneoMeriggi e ombre, Riviere. In L’agave sullo scoglio, Montale ripercorre la storia della propria vita partendo dall’ infanzia, paragonando se stesso alla pianta grassa, ovvero l’agave, che cresce tra i scogli, la cui fioritura è ritenuta un evento raro.

Il prossimo appuntamento degli studenti con le simulazioni d’esame sarà il 2 Aprile 2019 con le tracce della seconda prova.

#FacceCaso

Di Dario Argenziano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0