Università della farina: da Settembre i corsi di laurea

Università della farina: da Settembre i corsi di laurea

Al via da Settembre il nuovo percorso di studi sulla lavorazione dei cereali all'università della farina. Da un'idea di Molino Quaglia, nasce questo

Italy vs English: non ci siamo!
Non sempre le app funzionano…
Psicologo a scuola: è importante?

Al via da Settembre il nuovo percorso di studi sulla lavorazione dei cereali all’università della farina.

Da un’idea di Molino Quaglia, nasce questo nuovo progetto di Università specializzata nel campo della farina e la sua lavorazione. Un percorso per giovani pizzaioli e non solo, visto che riguarda chiunque abbia a che fare con la lavorazione dei cereali, rendendo quindi gli studi indicati anche per pasticcieri e panettieri. I giovani artigiani del grano avranno modo di confrontarsi con produttori di grano per ottenere conoscenza e padronanza delle diverse materie prime. Come riporta Il sole 24 ore, le iscrizioni ai corsi sono già aperte e questi partiranno da settembre. Gli obiettivi didattici dell’Università della farina sono principalmente tre ovvero, la conoscenza dei cereali, le diverse tecniche di macinazione e le responsabilità della filiera.

La conoscenza dei cereali

La prima parte riguarda il seme, esperti agricoltori si confronteranno con i studenti per trasmettergli le loro esperienze sulle diverse tematiche. Dalla selezione del seme alla variazione proteica del grano, come mantenerne le qualità e i pregi nutrizionali nel tempo e la conservazione migliore. Oltre alla parte più specifica si tratteranno anche gli effetti climatici sulla semina e le tecniche di difesa della pianta stessa, quindi la sua biologia. Infine, non meno importante gli aspetti e le differenze della scelta di una coltivazione biologia o tradizionale.

Le tecniche di macinazione

Quello che non tutti sanno è che la qualità e il tipo della farina, subisce forti influenze dalla fase di macinazione ed è importante conoscere le diverse tecniche applicabili. Durante il percorso di studi si andranno a conoscere le diverse capacità del mugnaio su come gestire la formazione del glutine durante l’impasto o come leggere i parametri di macinazione che ci anticipano la struttura finale e anche come applicare tecniche di fermentazione adatte.

La condivisione della filiera

Infine la consapevolezza del proprio ruolo nella filiera che va dal seme alla tavola e la responsabilità di esserne una parte attiva.

#FacceCaso

Di Dario Argenziano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0