Tempo di lettura: 3 Minuti

Un ultimo giorno da Liceali

Un ultimo giorno da Liceali

Le creazioni originali dei giovany per l’ultimo giorno sono battaglie Fluo e party senza sosta. I gavettoni? Acqua passata. Ultimo giorno di scuola.

Da Margaret Keane a Louise Bourgeois. Il coraggio di essere donna nel mondo dell’arte
Il Signore degli Anelli presto serie Tv?
Droghe leggere: Torino chiede la legalizzazione

Le creazioni originali dei giovany per l’ultimo giorno sono battaglie Fluo e party senza sosta. I gavettoni? Acqua passata.

Ultimo giorno di scuola. Per chi è di passaggio di fronte ai licei ogni giorno per recarsi all’università, si fa un tuffo nel passato: “se loro già respirano libertà e profumo di corse in motorino a Fregene, per me la famosa sessione–depressione è appena iniziata”.

Il famoso ultimo giorno di scuola, dicevo, bramato e sudato per tutto l’anno ed io, che tanto l’ho odiato, vorrei essere uno di loro.

7 Giugno. La scuola è finita. Licei, medie, elementari. Sono tutti liberi di correre al mare o iniziare il chiusino estivo alla Play. Come la metti la metti, ma i giovany del 7 Giugno sono liberi. A pensarci i ricordi sono tanti. Te la senti alla fine, quella famosa sensazione di nostalgia e paura di mettere per sempre i piedi fuori dalla scuola.
Ma se uno esce, l’altro rimane sempre legato al cancello d’entrata.

Eh si giovany. La scuola non si dimentica soprattutto quando l’ultimo giorno invece di fiori e abbracci hai ricevuto vernice fresca e una bella doccia fredda.
Tranquilli va via in lavatrice a 40 gradi.
Ma i giovany, quelli giovany giovany, neo maturandi o piccoli monelli delle medie, in gergo “che cosa se tirano fuori scuola ?”
Il cellulare no di certo. Quello serve per le IG stories di fine anno. La chicca assoluta dell’ultimo anno, l’ho scoperta passandoci attraverso.

Letteralmente.

Una tempesta di colori fluo lanciati come fossero granate. Call of Duty a confronto è spazzatura. Molotov, bombe di vernice fluo e chi più ne ha più ne metta. È immancabile la presenza di storie su Instagram per immortalare il momento.
Chicca assoluta, direi molto figa e originale anche se questa non si toglie in lavatrice.
Passando a riti più consueti, l’ultimo giorno non può mancare l’abbraccione di gruppo tra piagnoni e piagnone. Più che un abitudine, è un addio forse prematuramente strappato, ma questo non vuol dire che deve essere triste.

I giovany essendo multitasking, sono riusciti in molte scuole ad organizzare non party, ma dei veri e propri rave selvaggi e scatenati dentro il cortile della scuola.

Trap- IG stories-pianti-abbracci sudati e sciabolate. I ragazzi sono party animal anche dentro scuola.
Sembra la descrizione di Spring Breakers. Tranquilli giovany.
È peggio…

#FacceCaso

Di Francesca Assenza

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0