Tempo di lettura: 2 Minuti

Cronache di una studentessa in Cina. Una nuova rubrica di FacceCaso

Cronache di una studentessa in Cina. Una nuova rubrica di FacceCaso

Cronache di una studentessa in Cina sarà la rubrica delle mie avventure cinesi, dei miei consigli su come (sopra)vivere in Cina e dei miei viaggi. Vi

Nuovo viaggio nuova avventura: ti porto in Kenya con me in un viaggio alternativo! Pt.1
Il mio assurdo viaggio in Islanda: tra carne di squalo e geyser impazziti! Pt.2
Il mio viaggio in Albania tra siti archeologici e campagne incontaminate

Cronache di una studentessa in Cina sarà la rubrica delle mie avventure cinesi, dei miei consigli su come (sopra)vivere in Cina e dei miei viaggi.

Vi racconterò un anno di vita da studentessa in Cina. Per chi vorrà seguirmi in questa avventura sarò lieta di condividere le sfide e le scoperte quotidiane che questo Paese mi darà l’opportunità di vivere.

Un Double Degree in Cina

La formula del Double Degree, sempre più gettonata nelle università italiane e straniere è una grande opportunità. Dopo aver frequentato il primo anno di magistrale in Italia in Relazioni Internazionali sono stata selezionata per partecipare a questo ambizioso progetto. Il secondo (e ultimo anno) lo frequenterò interamente in Cina. Alla fine del secondo anno discuterò la mia tesi di laurea prima in Cina e poi, una volta tornata, anche in Italia. In sostanza, in due anni otterrò non una ma due lauree. Un vero affare!

A Pechino per un anno

Il 24 agosto a sono partita da Roma alla volta di Pechino: la mia nuova città per il prossimo anno; il cuore pulsante di uno dei Paesi protagonisti della scena globale; in Paese in via di sviluppo più grande; una delle prime 10 potenze mondiali; un paese da 5mila anni di storia, cultura e filosofia. Un anno è sicuramente troppo poco per riuscire a comprendere veramente le peculiarità. Ma farò del mio meglio.

Arrangiarsi

Dal primo giorno qui le difficoltà quotidiane sono all’ordine del giorno, ma ormai non le considerò nemmeno più come difficoltà: è la normalità.

Potrei fare una lunga lista dei piccoli ostacoli che una studentessa in Cina che non sa il cinese deve affrontare. A partire dal fatto che qui il 99% delle persone non parla una parola di inglese, oppure il fatto che ogni mezzo di comunicazione / social / mezzo di informazione occidentale qui sia bloccato.

Insomma, questa sarà un’esperienza nel vero senso della parola, una nuova scoperta ogni giorno e una grande opportunità sia a livello personale che accademico per mettermi alla prova.

Da oggi, ogni venerdì sarò più che contenta di condividere con i lettori e le lettrici di FacceCaso qualche avventura.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0