Tempo di lettura: 1 Minuti

È partita la prima edizione di Girls@bosch per rimuovere gli stereotipi di genere

È partita la prima edizione di Girls@bosch per rimuovere gli stereotipi di genere

Girls@bosch è un'iniziativa volta ad avvicinare le giovani donne alle discipline STEM sin dall'infanzia. Un nuovo modo per abbattere i pregiudizi nell

In Somalia riapre l’università pubblica. I primi laureati dopo 30 anni
VMware: i nuovi corsi all’Università
Cuneo vieta tutti i riferimenti a culture diverse da quella italiana(?)

Girls@bosch è un’iniziativa volta ad avvicinare le giovani donne alle discipline STEM sin dall’infanzia. Un nuovo modo per abbattere i pregiudizi nella nostra società.

Solo il 28% di tutti i ricercatori nel mondo è donna. Un dato decisamente troppo basso, dovuto al fatto che siamo abituati a pensare che le materie scientifiche siano più adatte agli uomini. Non è così, e Girls@bosch serve a dimostrarlo.

Girls@bosch, l’iniziativa

Il progetto parte da una collaborazione tra Bosch Tec e l’istituto comprensivo “San Giuseppe Calasanzio” di Milano. Bosch Tec è la scuola di formazione della famosa azienda Bosch e ha deciso di investire in questo ambizioso progetto per superare le differenze di genere nell’ambito delle discipline STEM.

12 bambine parteciperanno al progetto e avranno l’opportunità di prendere parte a lezioni teoriche e pratiche nell’ambito delle materie scientifiche. Il progetto si svolgerà sia negli ambienti scolastici sia in azienda. L’obiettivo è avvicinare le giovanissime studentesse alle materie STEM (Science, technology, engineering, maths).

Nell’ambito del progetto è coinvolto anche l’istituto “Galileo Galilei” di Milano. 19 ragazzi della classe quarta dell’indirizzo meccatronico terranno un workshop di robotica alle piccole partecipanti del progetto Girls@Bosch. L’obiettivo? realizzare un vero e proprio robot che sia utilizzabile a scuola.

Basta con gli stereotipi culturali

L’esistenza di un vero deficit di donne nell’ambito delle materie scientifiche e tecnologiche è un problema reale che deriva da un pregiudizi ben inserito nella nostra cultura. Ebbene, si tratta solo di un pregiudizio e come sostiene Bosch la presenza di più donne in questi ambiti sicuramente renderebbe il tutto più competitivo.

Nell’ambito di Girls@Bosch le ragazze coinvolte ascolteranno anche le storie di successo di donne che hanno fatto la storia nell’ambito scientifico. Noi italiani possiamo vantare degli esempi non indifferenti: basti citare il premio Nobel Rita Levi Montalcini o l’astronauta Samantha Cristoforetti.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0