Tempo di lettura: 2 Minuti

Fasi all’università: torneremo in aula?

Fasi all’università: torneremo in aula?

C'è chi dice online, chi dice offline e chi metà e metà. Non sappiamo bene come saranno le lezioni universitarie nel corso delle prossime fasi, cerchi

Festival LGBTQ+ alla Sapienza: celebrare e ricordare Stonewall
Giornata internazionale delle “skills” dei giovani: quest’anno focus sulla resilienza
Scambi culturali triplicati in 10 anni

C’è chi dice online, chi dice offline e chi metà e metà. Non sappiamo bene come saranno le lezioni universitarie nel corso delle prossime fasi, cerchiamo di fare chiarezza.

Due sono le fasi che aiuteranno l’università a riprendersi da questa pandemia, il MIUR le ha chiamate Fase 2 e Fase 3. Si sentono sempre più notizie su quello che succederà alle lezioni universitarie, cerchiamo allora di fare un po’ di chiarezza su questa due nuove fasi.

La fantomatica Fase 2, quella che stiamo un po’ tutti aspettando in questi giorni sarà quella che durerà tra maggio e l’estate. Saranno consentiti gli accessi individuali agli uffici e in qualche caso anche ai laboratori ma nel caso in cui vengano previste delle attività collettive queste non possono essere messe in atto. Allo stesso tempo continueranno la didattica e gli esami da remoto, così da limitare gli spostamenti di studenti, soprattutto pendolari e fuori sede. Anche gli uffici, che molto probabilmente riprenderanno a funzionare, devono garantire la maggior parte dei loro servizi online.

Per quanto riguarda la Fase 3, invece, guardiamo direttamente al prossimo anno accademico. Da settembre 2020 a gennaio 2021 le raccomandazioni prevedono sempre una preferenza delle azioni individuali su quelle collettive e un proseguimento delle attività online. Da gennaio 2021 si potrà pensare ad un piccolo ritorno ai laboratori e ai piccoli assembramenti ma non alle vere e proprie lezioni.

Non si parla solo di corsi, però. Cosa succederà ai tirocini? Beh, per le professioni sanitarie e tutte quelle facoltà che non possono ridurre il tirocinio allo Smart Working si procederà con la presenza e con lo spostamento dei ragazzi, per gli altri lo stage dovrà essere svolto in entrambi i modi, favorendo il lavoro da casa.

Ovviamente, tutto questo darà alle università il compito di rendere ancora più potente l’infrastruttura informatica dell’ateneo e l’accesso a tutti gli studenti. Speriamo bene.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0