Tempo di lettura: 3 Minuti

Ci sono posti nel mondo in cui se lavori troppe ore non fai bella figura!

Ci sono posti nel mondo in cui se lavori troppe ore non fai bella figura!

In Danimarca, per esempio, è proprio così! Lavorare troppe ore o andare fuori dall'orario stabilito non è un buon segno: né per i datori di lavoro, né

John Wayne e altre rogne nell’immancabile TG USA 2.0
Oggi è il giorno della lingua cinese! Leggi e scopri i modi migliori per impararla online
Celebriamo la giornata internazionale per l’accesso all’informazione!

In Danimarca, per esempio, è proprio così! Lavorare troppe ore o andare fuori dall’orario stabilito non è un buon segno: né per i datori di lavoro, né per i colleghi.

Non è un caso che la Danimarca sia sempre presente nella classifica dei popoli più felici… qual è il loro segreto? cerchiamo di capirlo in questo articolo! Sicuramente non lavorare troppe ore è uno dei principali motivi.

Ore di lavoro in media alla settimana

Si chiama work-life-balance, ovvero l’equilibrio tra lavoro e vita privata ed è quello che tutti noi invidiamo ai paesi come la Danimarca. Pensate che lì anche se l’orario di lavoro settimanale ufficialmente è di 37 ore, il danese medio ne lavora solo 33. Un sogno? Sì un sogno per noi, ma la normalità per loro.

La giornata tipo

In una giornata tipo in Danimarca si inizia a lavorare alle 8 del mattino per staccare alle 4 del pomeriggio. Non si va oltre e il venerdì si finisce addirittura un po’ prima. Gli straordinari? Non credo esista nemmeno la parola…

Una mentalità diversa…

Quando noi rimaniamo sul posto di lavoro oltre l’orario pensiamo di fare bella figura, di dimostrarci disponibili e flessibili. In Danimarca è tutto il contrario! Rimanere a lavorare oltre l’orario produrrebbe il risultato opposto: una pessima figura. Il datore di lavoro potrebbe dedurne che non sapete organizzare il vostro tempo e che siete poco efficienti. Come funziona tutto questo? Non è poi così assurdo, i datori di lavoro hanno fiducia completa sui dipendenti, l’importante è che i compiti siano portati a termine e non hanno importante le ore in cui una persona sta seduta davanti alla scrivania: sono più importanti i risultati. 

Questo metodo che consiste nel rispettare anche la vita privata di una persona è molto efficace, infatti la Danimarca nonostante i ritmi “rilassati” dei lavoratori e delle lavoratrici è comunque uno dei Paesi più efficienti d’Europa. Allo stesso tempo bisogna considerare che le persone felici sono più efficienti di quelle infelici, stressate e stanche. L’esempio danese dovrebbe essere di ispirazione per noi, soprattutto in un’ottica post Covid!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0