Tempo di lettura: 1 Minuti

A settembre si torna a scuola, lezione al cinema?

A settembre si torna a scuola, lezione al cinema?

Tornare o non tornare? Classi a metà o lezioni al cinema? Sono tante le domande e le speculazioni che si susseguono sul ritorno a scuola. A settembre

E mentre in Italia “stamo ancora freschi”, in Cina riaprono le scuole anche a Wuhan
Niente esami di terza media quest’anno. L’ha detto la Ministra Azzolina
Dimesso un ministro… se ne fanno altri 2!

Tornare o non tornare? Classi a metà o lezioni al cinema? Sono tante le domande e le speculazioni che si susseguono sul ritorno a scuola.

A settembre si torna a scuola! A settembre si torna a scuola? Chissà quale di queste due frasi fotografa meglio i pensieri della ministra Azzolina. L’intervallo di vacanze forzate, dovute al COVID-19, prima o poi dovrà finire, e sono molte le domande che genitori e alunni si pongono sul proprio futuro.

Si tornerà in classe? Tutti insieme, o metà classe sarà in aula e metà a casa a seguire online la lezione? Come si comporteranno i professori in proposito? Sarà tutto in mano ai presidi; ovvero, ogni scuola deciderà da sé quale approccio adottare o ci sarà un piano statale?

Alcune ipotesi

Intanto, le ipotesi su ciò che potrà accadere, quando ci sarà il ritorno alla normalità, si sprecano. Secondo alcuni, un approccio lento e graduale potrebbe risultare il migliore. Così, ad esempio, si potrebbe tornare in classe con lezioni più corte del 25%. Ossia, 45 minuti anziché un’ora. In questo modo si potrebbero creare gruppi di studenti più piccoli e maggiormente gestibili.

Come confermato dalla viceministra Ascani qualche giorno fa, starebbe ventilando un progetto a proposito di lezioni tenute in cinema, musei o teatri. Luoghi molto grandi, con una buona acustica, che permetterebbero il distanziamento minimo necessario, senza dover rinunciare al taglio delle classi.

Qualsiasi proposta, poi, vedrebbe sempre due attori protagonisti al suo interno: termoscanner e gel per le mani.
Quelli non ce li leva nessuno.

Le parole della ministra

Intanto, qualche giorno fa la ministra Lucia Azzolina, a proposito della ripresa, ha dichiarato: “Il governo accompagnerà il ritorno a scuola in sicurezza considerate le condizioni determinate dall’evoluzione epidemiologica”.

La chiusura scuola è stata operata in stretto collegamento con le autorità sanitarie. Il Dottor Miozzo proprio ieri ha ricordato quale sarebbe stato il rischio se avessimo tenute aperte le scuole. La riapertura avverrà in modo graduale”.

Che ci sembra buono e giusto.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0