Tempo di lettura: 2 Minuti

UnoNonBasta: la petizione dei Giovany per il NextGenEu

UnoNonBasta: la petizione dei Giovany per il NextGenEu

Il piano di spesa italiano per il Next Generation EU dedica l’1% ai giovany. Il movimento UnoNonBasta ne chiede almeno il 10%. In Italia lo chiamiamo

Detrazione spese universitarie 2018, tutte le novità
Torna “The Busking Contest”, l’unico contest in Italia dedicato ai musicisti di strada
Ad Alghero nascerà la scuola del Terzo millennio

Il piano di spesa italiano per il Next Generation EU dedica l’1% ai giovany. Il movimento UnoNonBasta ne chiede almeno il 10%.

In Italia lo chiamiamo Recovery Plan, ma il suo vero nome è Next Generation EU. Parliamo del piano di finanziamenti dell’UE dedicato agli stati membri per fronteggiare la crisi generale causata dal covid. Alle politiche per i giovani l’Italia destinerà l’1% della spesa. Va bene? Certo che no, ed ecco la petizione UnoNonBasta per chiederne il 10%. All’Italia spetta la fetta più grande del NextGenEU, 209 miliardi, un investimento senza precedenti. La direttiva di spesa europea è perfettamente sintetizzata nel suo nome: è un incentivo per le giovani generazioni e quelle che verranno.

Ogni beneficiario, Italia compresa, deve consegnare il proprio piano di spesa. Quello del nostro paese si chiama Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Nelle bozze di questo documento, che circolano da qualche giorno, leggiamo che l’investimento dedicato alle politiche per i giovani e il lavoro sarà minimo, circa l’1%.

I giovany non hanno tardato a farsi sentire, è online la petizione per chiedere di più, almeno 20 miliardi, il 10% circa, perché UnoNonBasta. L’iniziativa è stata lanciata da Visionary Days e dall’associazione Officine Italia. Non basta perché l’Italia ha il più alto numero di NEET in Europa nella fascia 20-34 anni, il 27,8% contro la media europea del 16,4% (dati Eurostat). Non basta perché nel 2019 oltre 126mila italiani, di cui 30mila laureati, hanno lasciato il Paese: l’8% in più del 2018 (dati Istat). UnoNonBasta perché la disoccupazione giovanile in Italia a ottobre 2020 era al 30%, il doppio della media europea. La petizione, indirizzata al Premier Conte, chiede e propone di facilitare l’ingresso o il reinserimento dei giovany nel mondo del lavoro, supportandoli con formazione e orientamento. Il 30 aprile è la data limite entro la quale vanno presentati in Europa i piani di spesa per il NextGenEU.

La crisi sociale dell’ultimo anno ha generato povertà educativa. Bisogna investire nel futuro, bene e coscienziosamente. NextGenEU è un investimento senza precedenti, ma non è un regalo, i soldi andranno restituiti. Indovinate da chi? Esatto, i giovany. Un motivo in più per farci sentire e spenderli bene.

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0