Tempo di lettura: 3 Minuti

Con So.De – Social Delivery è in arrivo una nuova consegna etica express

Con So.De – Social Delivery è in arrivo una nuova consegna etica express

I diritti dei rider sono il cuore di questa raccolta: dopo il “No Delivery Day”, si conclude in positivo l’iniziativa di So.De, la rivoluzione del Del

Il Fornaio è un mestiere per Giovani
Green Washing: impariamo a riconoscere la vera sostenibilità ambientale
“I love (igloo) New York”, ecco qual è il nuovo motto negli States

I diritti dei rider sono il cuore di questa raccolta: dopo il “No Delivery Day”, si conclude in positivo l’iniziativa di So.De, la rivoluzione del Delivery.

So.De potrà partire”.

Si è conclusa in attivo la campagna di crowdfunding che ha raggiunto l’obiettivo di 25.000 euro e che vedrà presto il contributo del Comune di Milano.

Ma non ci fermiamo qui – dichiara il gruppo di professionisti di Rob de Matt e di Merakianzi, abbiamo appena iniziato!” perché la lotta verso la tutela dei contratti dei rider è tutta una pedalata in salita.

Gli stessi pedali che sono rimasti fermi nella giornata dedicata al “No Delivery Day” contro i colossi della gig economy con l’arresto delle pratiche che ledono i diritti fondamentali, quali sfruttamento e caporalato digitale.

Siamo davvero emozionati e la motivazione a costruire un modello “diverso” è sempre più forte, perché non siamo soli/e!” dichiarano su www.produzionidalbasso.it.

E se sotto la sigla di #RiderXIDiritti contro lo sfruttamento lavorativo si chiede di non ordinare, So.De spinge a riconsiderare. O meglio, riscrivere l’atto – quello dell’ordine – in una pratica di solidarietà, ridefinendo il prezzo nella consegna del prodotto.

Con costi di consegna troppo bassi infatti, il rider – senza tutela, né assicurazione – è costretto a scontrarsi con questo nemico “invisibile”. Ed è possibile creare una soluzione verso contratti equi? Sì, con il servizio Delivery sociale, creando parallelamente posizioni lavorative introducendo al consumo consapevole!

In pratica la piattaforma permette di ordinare (e così supportare) piatti delle botteghe e imprese locali, calcolando il “costo equo effettivo” della consegna secondo le giuste tutele.

Ed è qui che entra la consapevolezza del consumatore: perché saremo noi a decidere se adattarci al prezzo di mercato o se scegliere di attenerci al valore in nome del servizio e di una scelta etica e di qualità.

Il nostro ordine di etica sta arrivando ed è quasi giunto a destinazione!

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0