Tempo di lettura: 1 Minuti

YUKA: l’app addetta al controllo qualità…di più o meno tutto!!

YUKA: l’app addetta al controllo qualità…di più o meno tutto!!

Oggi vi parliamo di un’app utile a controllare la qualità dei vari prodotti che acquistiamo: si chiama YUKA e vi rivoluzionerà la spesa! La rivoluzio

Liceo di Albenga: trovata soluzione per le nuove aule
Hikkimori: vivere in una scatola
TransferWise cambia per sempre il modo di far girare i soldi

Oggi vi parliamo di un’app utile a controllare la qualità dei vari prodotti che acquistiamo: si chiama YUKA e vi rivoluzionerà la spesa!

La rivoluzione della spesa sta arrivando: non c’è più bisogno di andare alla ricerca della marca più cara o di fare particolari indagini di mercato prima di acquistare un prodotto. Oggi esiste un’app francese che può davvero cambiare il nostro modo di approcciarci alla scelta dei prodotti. Si chiama YUKA e può scannerizzare i codici a barre di più o meno qualsiasi prodotto e darvi poi un suo “umile” parere sulla sua qualità.

L’applicazione, dopo aver scansionato il prodotto ed averlo individuato, fornisce un punteggio qualitativo su scala da 1 a 100. Vengono anche segnalate le ragioni del punteggio in positivo o in negativo. Quando il punteggio non è dei migliori, YUKA ha anche una premura particolare: ci consiglia dei prodotti simili in alternativa che presentano uno score complessivo migliore.

L’applicazione funziona particolarmente bene con i prodotti di tipo alimentare, che contano quasi il 70% del suo database, tuttavia le sue funzioni sono attive anche in campo cosmetico. La banca dati inoltre è in continuo aggiornamento grazie alla funzione “aggiungi”. Nel momento in cui si riscontra che un prodotto non è presente, lo si può personalmente segnalare per migliorare l’efficienza dell’app.

L’applicazione funziona benissimamente nella sua versione gratuita, tuttavia esiste la possibilità di passare a premium. Il progetto infatti si sostiene senza aiuti pubblicitari o supporto di aziende, per essere il più trasparente possibile con gli utenti, e fa della versione premium la sua unica fonte di guadagno.

Come dicevamo, l’app è nata in Francia ma è disponibile in moltissimi paesi tra cui l’Italia: si stima che circa il 75% dei prodotti presenti nei nostri supermercati sia già nel database. E tu, cosa aspetti a provarla?!

#FacceCaso

Di Martina Borrello

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0