Tempo di lettura: 2 Minuti

Crociera linguistica? Quest’anno si può con English Onboard!!

Crociera linguistica? Quest’anno si può con English Onboard!!

Nel 2021 le vacanze studio saranno su una nave da crociera grazie alla collaborazione di MLA ad MSC per imparare l’inglese evitando il coronavirus!!

Falsi miti e luoghi comuni estivi: sfatiamone alcuni
La strada si prende altri due ragazzi: incidente sull’Aurelia
Ευχαριστώ, Ελλάδα! Il mio viaggio nell’Ellade

Nel 2021 le vacanze studio saranno su una nave da crociera grazie alla collaborazione di MLA ad MSC per imparare l’inglese evitando il coronavirus!!

Da quest’estate potete studiare in crociera!!!!
Non è clickbait e neanche uno spin off di Zack e Cody sul ponte di comando, è solo un nuovo modo di fare “vacanza studio” compatibile con il coronavirus.

La situazione emergenziale dovuta alla pandemia da Covid-19 ha bloccato le vacanze studio per l’estate 2020 ma la situazione non si ripeterà ed giovani volenterosi di imparare l’inglese potranno partire grazie all’idea di creare una crociera linguistica.

Il progetto si chiama English Onboard e nasce grazie al gioco di squadra tra MLA ed MSC, insieme hanno infatti creato quella che potrebbe essere l’unica soluzione anti-covid fattibile per gli alunni di scuole medie e liceo (il range di età va dai 10 ai 18 anni).

Il Safety Protocol previsto per evitare il contagio è molto preciso: tamponi prima e durante la crociera per tutti, alunni e personale. A bordo si sarà al sicuro e si faranno progressi linguistici notevoli, come sempre accade grazie ai corsi intensivi che forniscono i soggiorni di studio.

Tutti i soggiorni hanno la durata di otto giorni e sette notti e le navi messe a disposizione per gli studenti sono tre: la MSC Grandiosa e la MSC Seaside, entrambe con itinerario Italia/Malta e la MSC Seaview, con rotta Italia/Spagna/Francia.
Le attività previste sono le solite delle vacanze studio: karoke, feste tematiche, qualche escursione e tante attività sportive. Insomma, un vero e proprio paradiso.

Anche i genitori possono partecipare, per la -non- gioia dei figli. È infatti possibile partecipare all’iniziativa “genitori a bordo” che permette non solo di migliorare l’inglese ma anche di condividere l’esperienza coi propri figli pur mantenendo entrambi un alto grado di autonomia.

Le premesse sono fighissime… cosa aspettate a cogliere al volo l’opportunità??

#FacceCaso

Di Martina Borrello

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0