Tempo di lettura: 3 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di FVLLN

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di FVLLN

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è FVLLN a passare sotto le grinfie della nostra redazione per il nuovo singolo. Torna il

Le Wasabi tornano con il remix di “Cenere” prodotto da Newair
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di Svegliaginevra
La RIAA cambia le regole del mercato musicale: 1500 visualizzazioni valgono come un disco venduto

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è FVLLN a passare sotto le grinfie della nostra redazione per il nuovo singolo.

Torna il progetto di FVLLN (dalle ceneri di “Fallen Noise”) con un nuovo singolo atipicamente estivo dal titolo “Difetto”, fuori su tutte le piattaforme digitali da venerdì 28 luglio 2023. Un nuovo e intimo capitolo per il giovane produttore che si muove tra trap ed hyperpop, militando nella scena romana underground.

Una costante fuga da sé stessi, un demone che ci lega al passato e alle esperienze; inciampare, cadere, farci forza, per poi rialzarci e ricominciare a correre. Queste sono le parole chiave che vanno a descrivere “difetto”, una canzone che parla di diversità, smarrimento e voglia di riscattarsi in un mondo difficile e imperfetto. Dopo un viaggio avuto in estate, con una persona a cui sono molto legato, ho deciso di rendere vere ed esistenti tutte queste sensazioni, attraverso sonorità trap moderne/sperimentali e un testo inspirato alla figura e alle esperienze avute con questa persona, che, senza volerlo, ha cambiato per sempre il mio modo di vedere il mondo.

Imperdibile, abbiamo deciso di intervistarlo per lui.

Questo è un sito dedicato agli studenti, quindi non possiamo che iniziare col chiederti qualcosa in più sul tuo percorso scolastico. Com’è andata?
Il mio percorso scolastico è abbastanza ambiguo: dopo le medie ho deciso di andare al classico, ma andando in una scuola di facili pregiudizi, sono stato schiacciato, nonostante studiassi e andassi relativamente bene. Ho deciso di lasciare e l’anno dopo andai al cine-tv, una scuola più aperta e più adatta a me, dove ho concluso i miei studi. Nonostante 2 bocciature al classico, la mia vincita personale è stata diplomarmi con 86, un risultato difficile da raggiungere, ma che ha lascito dentro di me una delle più grandi soddisfazioni della mia vita.

E con lo studio della musica che tipo di rapporto hai? Credi che si possa fare musica anche senza studiarla?
Io fin da bambino ho sempre studiato musica, sia da solo che non. Posso dire che non è necessario intraprendere un percorso accademico per riuscire ad esprimere qualcosa attraverso la musica, ma si può crescere anche come autodidatta, come la maggior parte delle mie conoscenze artistiche.

Su cosa bisognerebbe investire a tuo parere se si ha un progetto indipendente, produzione o promozione? Come stai procedendo tu?
Se si ha un progetto indipendente l’investimento necessario secondo me è nelle attrezzature (ad esempio come un computer, altoparlanti o cuffie), nella strumentalizzazione (come una chitarra o un microfono) e nei software e plugin. Poi si può decidere di investire in grafiche e videoclip. Preciso che per un buon risultato di un progetto non per forza bisogna investire milioni, basta anche poco e tanta creatività.

Hai un piano preciso per il tuo progetto come “FVLLEN”? Come mai hai sentito l’esigenza di cambiare nome? (prima eri “Fallen Noise”)?
Fallen Noise mi ha rappresentato per anni della mia vita, esprimendo un percorso di crescita personale sia fisica che mentale. Un percorso che ho finalmente deciso di chiudere e “difetto” ne è il manifesto. Il testo e le sonorità mi hanno fatto capire che l’io, fvlln, Tommaso, è evoluto sia nelle sonorità che nella sperimentazione che ormai impiego da anni, come se fosse un nuovo capitolo.

E un consiglio a chi è nuovo di Roma?
Roma è una giungla, non è facile adattarsi, ma l’unico consiglio che mi permetto di dare è riuscire ad entrare in un ambiente sano per sé stessi e di non lasciarsi trascinare da persone e situazioni rischiose. È una bellissima città, ma, come in tutto, bisogna saperla prendere nei migliori dei modi.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0